Separazione, quando si vogliono evitare i creditori

di Concas Alessandra, Referente Aree Diritto Civile, Commerciale e Fallimentare e Diritto di Famiglia
PDF

Quando due persone si separano, si va a intestare al coniuge privo di debiti, i principali beni, ad esempio la casa. Attraverso la cosiddetta separazione consensuale, si fa passare il trasferimento come un atto di sostegno e di mantenimento, in ragione degli accordi sottoscritti in tribunale. In questo modo, il creditore che dovesse agire contro il coniuge con i debiti non troverebbe beni da pignorare e, forse, potrebbe lasciare stare.

La legge stabilisce che, salvo il caso di nullatenenza, i debiti vanno sempre pagati, e i creditori possono aggredire il patrimonio presente e futuro del debitore nonché, per coloro che sono sposati in regime di comunione dei beni, anche il 50% del patrimonio del coniuge. Questa è un’opzione che non si consiglia a chi esercita attività imprenditoriali o  soggette al rischio di insolvenza.

La separazione della coppia, rivolta a sottrarre ai creditori i beni del coniuge debitore, con il trasferimento della proprietà all’altro coniuge, diventato ex, è un atto in frode alla legge, che sfrutta uno strumento lecito per un fine illecito, e la separazione può essere revocata. Perché si attui la revoca, il creditore deve dimostrare l’intento fraudolento della coppia, che non è un compito facile, nessuno sa che cosa succede nelle mura domestiche e se davvero marito e moglie sono in crisi.

Esistono degli indici che possono portare i creditori ed il giudice a ritenere la separazione come un atto simulato e a revocarla. Ne costituisce un esempio, la coppia che mantiene la residenza presso lo stesso indirizzo, nonostante non venga menzionato nell’atto di separazione e questa necessità non si giustifica per l’incapacità economica di uno dei due a pagare un altro affitto.

Un secondo indice di simulazione della separazione è rappresentato dal mancato pagamento dell’assegno di mantenimento. Se i coniugi presentano una disparità di reddito, il più povero pretende il pagamento dell’assegno mensile. Se l’obbligo viene formalizzato nell’atto di separazione, e non adempiuto, a causa della simulazione dell’intera procedura, e non c’è un’azione legale per recuperare le somme, è ci potrebbe essere un accordo nascosto.

La separazione è, come gli atti in frode ai creditori, revocabile entro cinque anni da quando è stata compiuta. A questo fine però bisogna che il creditore intenti una causa, dimostrando l’esito fraudolento e l’onere della prova è a suo carico, nonostante esistano precedenti giurisprudenziali che hanno revocato la separazione, non è scontato e molto difficile da raggiungere.

Sia la separazione dei beni sia quella della coppia, sono due atti revocabili in cinque anni con onere della prova a carico del creditore, ed entrambi portano allo stesso risultato: trasferire la proprietà di un bene, la casa o un altro immobile, al coniuge non debitore. Quello che cambia è la difficoltà per il creditore, di dare dimostrazione dell’intento fraudolento dell’atto.

Se nella separazione della coppia c’è il trasferimento della residenza e i passaggi di denaro per l’assegno di mantenimento, risulterà molto difficile provare che, dietro a questo piano, si nascondeva lo scopo di sottrarre la casa al pignoramento. Il compito dell’avvocato del creditore risulta essere più facile in caso di semplice separazione dei beni.

Volume consigliato 

Trasferimenti immobiliari nella separazione e nel divorzio

Trasferimenti immobiliari nella separazione e nel divorzio

L’opera è un’analisi di tutti gli aspetti concernenti i trasferimenti immobiliari tra i coniugi, sia in sede di separazione sia di divorzio. Il testo è aggiornato alla più recente giurisprudenza. Rilevanti sono anche le novità legislative in materia di unioni civili e convivenze di fatto di cui alla L. 76/2016. Alla nuova disciplina si è data attuazione coi decreti delegati nn. 5, 6 e 7 del 19 gennaio 2017 e, da ultimo, è intervenuto il decreto del Ministro dell’interno 27 febbraio 2017 per la regolamentazione dei registri delle unioni civili. Con una ragionata rassegna di giurisprudenza e un    ricco formulario, il testo è un supporto pratico di particolare utilità in considerazione della rilevanza delle relazioni da regolare, anche con riferimento alla tutela dei terzi e ai profili fiscali e tributari collegati.In occasione della crisi coniugale, le esigenze di trasferire immobili (o anche solo parti di essi o diritti afferenti i medesimi) possono venire in rilievo tanto per scomporre attività o iniziative svolte in comune tra i coniugi (imprese economiche, abitazioni, gestioni, ecc.), quanto in funzione compensativa/sostitutiva dell’eventuale assegno di man- tenimento, per consentire alla parte economicamente più debole di mantenere il medesimo tenore di vita avuto durante il matrimonio. Il volume garantisce soluzioni non solo circa la regolazione delle questioni immobiliari tra coniugi, ma anche relativamente alle rica- dute per i figli beneficiari, in tutto o in parte, delle quote già appartenenti ai genitori.

Il Cd-Rom allegato contiene il formulario compilabile e stampabile e la giurisprudenza.

Manuela Rinaldi, Avvocato in Avezzano;  Dottore  di ricerca in Diritto dell’Economia e dell’Impresa, Diritto Internazio- nale e Diritto Processuale Civile, Curriculum Diritto del Lavoro. In- caricata (a.a. 2016/2017) dell’in- segnamento Diritto del Lavoro (IUS 07) presso l’Università degli Studi di Teramo, Facoltà di Giu- risprudenza. Dal 2011 Docente Tutor Diritto del Lavoro c/o Uni- versità Telematica Internazionale Uninettuno; relatore in vari conve- gni, master e corsi di formazione. Autore di numerose pubblicazioni, monografiche e collettanee.
Almerindo Vitullo, Notaio in Avezzano.

Requisiti hardware e software
- Sistema operativo: Windows® 98 o successivi
- Browser: Internet 
Programma capace di editare documenti in formato RTF (es. Microsoft Word)

 

Leggi descrizione
Manuela Rinaldi - Almerindo Vitullo, 2017, Maggioli Editore
42.00 € 39.90 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

concas-alessandra

Concas Alessandra

Giornalista iscritta all’albo dell’Ordine di Cagliari e Direttore responsabile di una redazione radiofonica web. Interprete, grafologa e criminologa. In passato insegnante di diritto e lingue straniere, alternativamente. Data la grande passione per il diritto, collabora dal 2012 con la Rivista giuridica on line Diritto.it, per la quale è altresì Coautrice della sezione delle Schede di Diritto e Referente delle sezioni attinenti al diritto commerciale e fallimentare, civile e di famiglia.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e