Rottamazione cartelle esattoriali: cosa si paga e cosa no

Rottamazione cartelle esattoriali: cosa si paga e cosa no

Redazione

Riportiamo di seguito un abstract dell'articolo, che può essere letto integralmente su Leggi Oggi a questo indirizzo

Versione PDF del documento

Cerchi un commercialista? Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti. È gratis!
Il 24 ottobre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto fiscale collegato alla Legge di Stabilità 2017; ora quindi si può avere un’idea più precisa della rottamazione delle cartelle di Equitalia e del risparmio che ne deriverà ai contribuenti.
Si consiglia ROTTAMAZIONE CARTELLE ESATTORIALE: COSA FARE
Il decreto in questione ha confermato l’estensione del condono alle multe stradali, ma ha escluso dalla rottamazione gli interessi e l’aggio.
A livello pratico, quindi, quanto risparmieremo con il nuovo decreto?
Leggi il testo del disegno di legge di Bilancio 2017
Rottamazione cartelle: quali sono comprese?
La rottamazione prevista dal decreto fiscale si riferisce a tutte le cartelle esattoriali notificate tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2015; quelle notificate prima del 2000, quindi, non potranno godere della sanatoria.
Nella rottamazione sono inclusi tutti i ruoli relativi ai tributi, alle imposte (compresa l’Iva se non è riscossa all’importazione), ai contributi previdenziali e assistenziali e alle multe per infrazione del Codice della Strada.

Potrebbe interessarti anche: Rottamazione cartelle Equitalia, come aderire alla sanatoria? Incluse multe e IVA

Come recentemente confermato, anche i ruoli emessi dagli Enti locali e relativi all’Ici o alla tassa sui rifiuti possono rientrare all’interno della sanatoria. Per questi ultimi, tuttavia, come per le multe, a decidere se aderire alla sanatoria saranno i Comuni caso per caso.
Approfondisci con il seguente volume:

Come difendersi dalle cartelle esattoriali
Nunzio Santi Di Paola, Francesca Tambasco, 2016, Maggioli Editore
L’opera, con il pratico FORMULARIO (su Cd-Rom) e le TAVOLE SINOTTICHE, è un prezioso strumento di lavoro per magistrati ordinari e tributari, avvocati, dottori commercialisti e altri professionisti abilitati alla difesa davanti alle Commissioni tributarie provinciali e regionali,…

50,00 € 45,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Rottamazione cartelle esattoriali: cosa si deve pagare?
Come accennato, la rottamazione delle cartelle di Equitalia, non copre tutte le somme aggiuntive da pagare; infatti, in aggiunta all’importo di base, i debitori dovranno pagare:

gli interessi da ritardata iscrizione al ruolo;
le somme maturate a titolo di aggio, da calcolare però solo sul capitale e sugli interessi;
le spese per le procedure esecutive;
le spese di notifica della cartella.

Circa le multe stradali, oltre all’importo di base il debitore dovrà pagare l’aggio della riscossione e le eventuali spese di esecuzione e notifica della cartella.
Cosa non si deve pagare?
Coperte dalla rottamazione delle cartelle e quindi non si devono pagare, invece:

le sanzioni sulle somme da pagare;
gli interessi di mora;
le somme aggiuntive dovute sui contributi previdenziali.

Un risparmio consistente, però forse inferiore a quanto inizialmente previsto nelle scorse settimane.
Rottamazione: come si aderisce?
Al fine di poter usufruire della rottamazione il contribuente dovrà presentare richiesta di adesione alla sanatoria entro 90 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale delle nuove norme. Per la presentazione della domanda bisognerà utilizzare un apposito modello che Equitalia renderà disponibile sul proprio sito internet.
Si potrà scegliere se pagare tutto il debito in un’unica soluzione oppure in 4 rate. A seguito della presentazione della domanda, Equitalia comunicherà ai debitori, entro 180 giorni dall’entrata in vigore della procedura, l’ammontare delle somme dovute e i dettagli relativi alle singole rate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it