Ritenuto di non poter accogliere la domanda di risarcimento in forma specifica, così come formulata dalla ricorrente, in quanto la presente decisione ha l’effetto di riportare la situazione di fatto allo stato in cui si sarebbe trovata senza la determinaz

Ritenuto di non poter accogliere la domanda di risarcimento in forma specifica, così come formulata dalla ricorrente, in quanto la presente decisione ha l’effetto di riportare la situazione di fatto allo stato in cui si sarebbe trovata senza la determinaz

Lazzini Sonia

Qui la sentenza: Ritenuto di non poter accogliere la domanda di risarcimento in forma specifica, così come formulata dalla ricorrente, in quanto la presente decisione ha l’effetto di riportare la situazione di fatto allo stato in cui si sarebbe trovata senza la determinazione che ha viziato l’intero procedimento(TAR N. 00692/2011)

Versione PDF del documento

Ovvero l’esclusione della ricorrente, rimettendosi quindi all’amministrazione l’emanazione dei successivi provvedimenti emendati dai vizi riscontrati dal giudice; e ciò in ossequio al principio, già consacrato dalla giurisprudenza, e adesso statuito nel cpa, al comma secondo dell’art. 34, che vieta al giudice di pronunciarsi con riferimento a poteri amministrativi non ancora esercitati (ciò si dica, ad esempio, rispetto alla facoltà dell’amministrazione di verificare l’anomalia dell’offerta di cui s’è poc’anzi detto);

Ritenuto:

– che la decisione in forma semplificata soddisfa pienamente, per la sua celerità, la ricorrente, che ottiene il bene della vita cui aspira, ovvero la partecipazione alla gara, dovendo l’amministrazione esitare il procedimento a partire dalla riammissione della ricorrente stessa;

– che non residua danno risarcibile, non risultando che i lavori siano stati iniziati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it