Accesso agli atti in pendenza di giudizio, istanza autonoma

Accesso agli atti in corso di giudizio, natura autonoma dell’istanza

di Biamonte Alessandro, Referente Area Diritto Amministrativo

Qui la sentenza: Consiglio di Stato - V sez. - sentenza n. 3028 del 21-05-2018

Versione PDF del documento

Il ricorso per l’accesso agli atti proposto in corso di giudizio ai sensi dell’art. 116, comma 2, c.p.a., presentando la peculiarità di inserirsi nel contesto di un giudizio già pendente, impone di analizzare la natura istruttoria o autonoma dell’istanza.

Nel primo caso si devolve al Giudice una indagine penetrante circa la necessità e la rilevanza dell’atto da acquisire ai fini della decisione del ricorso principale al quale la domanda di accesso è connessa, con ogni profilo di dipendenza rispetto al ricorso principale, in ordine, ad esempio alla sussistenza della giurisdizione. Viceversa, nel secondo (natura autonoma), assume carattere prevalente la meritevolezza degli interessi da tutelare ai sensi dell’art. 22 co. 1 lett. b) L. 241/1990.

Deve propendersi, come da recente giurisprudenza, per la natura autonoma dell’istanza di accesso agli atti in discorso e del carattere decisorio del provvedimento che conclude il relativo procedimento giurisdizionale, poiché il fatto che un’istanza di accesso agli atti possa essere proposta in pendenza di un giudizio, come risulta dall’art. 116, comma 2, c.p.a., non implica che detta istanza perda la sua autonomia di actio ad exhibendum per trasformarsi in richiesta di carattere meramente istruttorio, rivolta al Giudice del c.d. ricorso principale, tanto più che si tratta di istanza da notificare all’Amministrazione e agli eventuali controinteressati, conformemente al regime tipico della instaurazione del rapporto giuridico processuale in seguito a proposizione di ricorso e non di atto di citazione.

Volume consigliato 

Compendio di Diritto amministrativo

Compendio di Diritto amministrativo

Biancamaria Consales - Lilla Laperuta, 2017, Maggioli Editore

Il presente volume si sofferma sugli aspetti principali  del diritto amministrativo, illustrandoli in maniera scorrevole  ma approfondita. In particolare, questa nuova edizione è aggiornata a provvedimenti di grande interesse. Primo fra tutti il de- creto correttivo al...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

alessandro-biamonte

Biamonte Alessandro

Avvocato cassazionista, ha maturato una esperienza ventennale nel campo del diritto amministrativo, dell'area giuspubblicistica e della tutela dei diritti fondamentali. Consulente di Pubbliche amministrazioni, imprese e privati in materia, docente di diritto processuale amministrativo presso l'Università degli Studi Europea di Roma – Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali, attualmente insegna presso l'Università degli Studi Marconi di Roma e la Marconi International University approfondendo, nell'ambito del modulo di docenza del Corso di Alta Formazione in Management della sicurezza informatica, le tematiche normative legate alla cybersicurezza come obiettivo strategico nel contesto delle politiche di intelligence. Attualmente è altresì docente presso l'Università degli Studi Marconi di Roma nel corso di alta formazione universitaria in Data Protection Officer. Si occupa prevalentemente di diritto Amministrativo, diritto degli enti locali, contratti e appalti pubblici, telecomunicazioni, urbanistica, espropriazioni per p.u., diritto delle nuove tecnologie. Ha dato vita, con docenti universitari e professionisti altamente specializzati del settore, a un innovation hub virtuale, che funga, anche per mezzo di un competence center, da motore propulsore e consulenziale nel sostegno alle realtà imprenditoriali nell'attuazione del piano "Impresa 4.0". Per Diritto.it è Referente dell'area di diritto amministrativo.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it