Quando è configurabile il delitto di resistenza a un pubblico ufficiale nella forma tentata?

di Di Tullio D'Elisiis Antonio, Referente Area Diritto penale e Procedura penale
PDF

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - sez. VI penale - sentenza n. 15621 del 03-04-2022

(Riferimento normativo: Cod. pen., artt. 56, 337)

     Indice

  1. Il fatto
  2. I motivi addotti nel ricorso per Cassazione
  3. Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione
  4. Conclusioni

1. Il fatto

La Corte di Appello di Messina aveva confermato una sentenza del Tribunale di Patti con la quale era stato condannato un imputato per il reato di cui all’art. 337 cod. pen..
In particolare, all’accusato gli era stato contestato di aver usato minaccia nei confronti di un ispettore della Polizia municipale impegnato in un servizio di traffico stradale, tentando di strappargli il bollettario delle contravvenzioni, mentre si accingeva ad elevargli una contravvenzione.

2. I motivi addotti nel ricorso per Cassazione

Avverso il provvedimento emesso dai giudici di seconde cure proponeva ricorso per Cassazione il difensore dell’imputato, deducendo i seguenti motivi:

1) violazione di legge e vizio di motivazione in relazione agli artt. 337 cod. pen. e 192 e 530 cod. proc. pen. in quanto, ad avviso del ricorrente, la Corte di Appello avrebbe omesso di esaminare il motivo specifico di appello sulla idoneità della condotta ad integrare il reato contestato;

2) violazione di legge e vizio di motivazione in relazione all’art. 131-bis cod. pen. poiché, per la difesa, il fatto commesso non era stato grave;

3) violazione di legge e vizio di motivazione in relazione agli artt. 56 e 337 cod. pen. atteso che, per il legale, la Corte di Appello non aveva considerato che l’imputato non aveva impedito al vigile di redigere il verbale, risultando quella della redazione degli atti negli uffici una prassi diffusa per motivi di comodità.


Potrebbero interessarti anche: 


3. Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione

Il ricorso era dichiarato inammissibile per le seguenti ragioni.
Per quanto concerne il primo motivo, gli Ermellini osservavano che, se la Corte di Appello aveva esaminato il motivo di appello, il ricorso, invece, a loro avviso, proponeva soltanto una diversa e non consentita lettura del compendio probatorio.
Ciò posto, quanto al secondo motivo, per i giudici di piazza Cavour, la risposta della Corte di appello era stata puntuale, adeguata e priva di manifeste illogicità (ancorata alla concreta gravità della condotta tenuta dal ricorrente), proponendo il ricorrente per contro censure ancora una volta (reputate) non collegate alla trama argomentativa della sentenza impugnata e di puro merito.
In ordine al terzo motivo, infine, la Suprema Corte richiamava, a sostegno della sua reiezione, quell’orientamento nomofilattico secondo cui non è necessario, ai fini dell’integrazione del delitto, che sia concretamente impedita la libertà di azione del pubblico ufficiale, essendo sufficiente che si usi violenza o minaccia per opporsi al compimento di un atto dell’ufficio o del servizio, indipendentemente dall’esito, positivo o negativo, di tale azione e dall’effettivo verificarsi di un ostacolo al compimento degli atti indicati (tra tante, Sez. 6, n. 5459 del 08/01/2020).

4. Conclusioni

La decisione in esame desta un certo interesse essendo ivi chiarito, sulla scorta di un pregresso orientamento nomofilattico, quando si può ritenere configurabile il tentato delitto di resistenza a un pubblico ufficiale.
Difatti, in tale pronuncia, è affermato che, ai fini dell’integrazione del delitto de quo, non è necessario che sia concretamente impedita la libertà di azione del pubblico ufficiale, essendo sufficiente che si usi violenza o minaccia per opporsi al compimento di un atto dell’ufficio o del servizio, indipendentemente dall’esito, positivo o negativo, di tale azione e dall’effettivo verificarsi di un ostacolo al compimento degli atti indicati.
Dunque, ove ricorra una situazione di questo genere, ben potrà ritenersi contestato e accertato siffatto reato.
Il giudizio in ordine a quanto statuito in cotale sentenza, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su codesta tematica giuridica, quindi, non può che essere positivo.

Volume consigliato:

Compendio di Diritto Penale

Compendio di Diritto Penale

Fabio Piccioni, 2020, Maggioli Editore

Il testo è aggiornato al Decreto Sicurezza bis (D.L. n. 53/2019), al Codice Rosso (Legge n. 69/2019), nonché alla Legge n. 43/2019, di riforma della normativa sullo scambio elettorale politico – mafioso. Fabio PiccioniAvvocato del Foro di Firenze, patrocinante in...



Diventa autore di Diritto.it

Scarica il documento

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonio-di-tullio-d-elisiis

Di Tullio D'Elisiis Antonio

Avvocato iscritto al foro di Larino (CB) e autore di diverse pubblicazioni redatte per conto di differenti case editrici. In particolare sono stati scritti molteplici libri, nonché e-book, prevalentemente in materia di diritto e procedura penale per la Maggioli editore, oltre che redatte da un lato, tre monografie rispettivamente sulle vittime di reato, mediante un commento del decreto legislativo, 15/12/2015, n. 212, per Altalex editore e sulla giustizia penale minorile e sui mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova per Nuova Giuridica, dall'altro, quattro monografie per la Primiceri editore (dibattimento nel processo penale; le impugnazioni straordinarie in ambito penale, il ruolo della parte civile nel processo penale e l'esecuzione penale). Per Diritto.it è Referente dell'area di Diritto penale e Procedura penale.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e