Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il “nuovo” art. 416-ter c.p.: vediamo cosa prevede questa norma di legge

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il “nuovo” art. 416-ter c.p.: vediamo cosa prevede questa norma di legge

di Di Tullio D'Elisiis Antonio, Referente Area Diritto penale e Procedura penale

Versione PDF del documento

E’ stata pubblicata  il 27 maggio 2019 sulla Gazzetta Ufficiale la legge, 21 maggio 2019, n. 43 con la quale è stato modificato integralmente l’art. 416-ter c.p..

Volume consigliato

Autori e vittime di reato

Autori e vittime di reato

2018, Maggioli Editore

Il presente volume, pubblicato grazie al sostegno economico dell’Università degli Studi di Milano (Piano di sostegno alla ricerca 2016/2017, azione D), raccoglie i contributi, rivisti ed aggiornati, presentati al convegno internazionale del 7 giugno 2016, al fine di consentire,...



Le novità introdotte dalla legge n. 43/2019

L’art. 1 della legge n. 43/2019, difatti, prevede quanto segue: “1. L’articolo 416-ter del codice penale e’ sostituito dal seguente:   «Art. 416-ter (Scambio  elettorale  politico-mafioso).  –  Chiunque accetta, direttamente o a  mezzo  di  intermediari,  la  promessa  di procurare voti da parte di soggetti appartenenti alle associazioni di cui all’articolo 416-bis o mediante le  modalita’  di  cui  al  terzo comma  dell’articolo  416-bis  in  cambio  dell’erogazione  o   della promessa di erogazione di denaro o di qualunque altra utilita’  o  in cambio della disponibilita’ a soddisfare gli interessi o le  esigenze dell’associazione mafiosa e’ punito con la pena stabilita  nel  primo comma dell’articolo 416-bis. La stessa pena si applica a chi promette, direttamente o a mezzo di intermediari, di procurare voti nei casi di cui al primo comma.  Se  colui  che  ha  accettato  la  promessa  di  voti,  a   seguito dell’accordo di  cui  al  primo  comma,  e’  risultato  eletto  nella relativa consultazione elettorale, si applica la  pena  prevista  dal primo comma dell’articolo 416-bis aumentata della meta’.   In caso di condanna per  i  reati  di  cui  al  presente  articolo, consegue sempre l’interdizione perpetua dai pubblici uffici”.

L’art. 416-ter c.p., dunque, così riformulato, prevede prima di tutto che chiunque (e quindi si tratta di un reato comune) accetta, direttamente o a  mezzo  di  intermediari,  la  promessa  di procurare voti da parte di soggetti appartenenti alle associazioni di cui all’articolo 416-bis o mediante le  modalita’  di  cui  al  terzo comma  dell’articolo  416-bis  in  cambio  dell’erogazione  o   della promessa di erogazione di denaro o di qualunque altra utilita’  o  in cambio della disponibilita’ a soddisfare gli interessi o le  esigenze dell’associazione mafiosa e’ punito con la pena stabilita  nel  primo comma dell’articolo 416-bis c.p..

Si tratta dunque di un reato a forma vincolata in cui la condotta punibile consiste nell’accettare, in via diretta e immediata o tramite interposta persona la promessa di procacciare voti da parte di intranei a un’associazione di tipo mafioso anche straniera, o, avvalendosi della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà,  o fornendo la disponibilità di accontentare gli interessi e le esigenze del sodalizio mafioso.

La pena comminata è quella prevista dall’art. 416-bis, c. 1, c.p. vale a dire la reclusione da dieci a quindici anni fermo restando che la stessa pena si applica a chi promette, direttamente o a mezzo di intermediari, di procurare voti nei casi di cui al primo comma (così: il “nuovo” art. 416-ter, c. 2, c.p.).

Il “nuovo” comma terzo dell’art. 416-ter c.p., a sua volta, contempla un’aggravante speciale ad effetto speciale essendo ivi stabilito un aumento della pena pari alla metà per colui che, una volta accettata la promessa di voti, a seguito dell’accordo previsto al comma precedente, risulta essere stato eletto nella consultazione elettorale per cui è stato stipulato siffatto accordo.

Infine, l’ultimo comma dell’art. 416-ter c.p. dispone ex lege l’interdizione perpetua dai pubblici uffici nel caso di condanna per questo illecito penale.

La versione previgente, ossia quella introdotta nel 2014 tenuto altresì conto delle modifiche sanzionatorie avvenute nel 2017

L’art. 416-ter c.p., così come era previsto dall’art. 1, l. 17 aprile 2014 n. 62, invece, prevedeva, da un lato, che chiunque “accetta la promessa di procurare voti mediante le modalità di cui al terzo comma dell’articolo 416-bis in cambio dell’erogazione o della promessa di erogazione di denaro o di altra utilità è punito con la reclusione da sei a dodici anni” (primo comma), dall’altro, che la “stessa pena si applica a chi promette di procurare voti con le modalità di cui al primo comma” (secondo comma).

In questa versione previgente, dunque, non vi era alcun riferimento agli intermediari, così come difettava alcun riferimento alla disponibilita’ a soddisfare gli interessi o le  esigenze dell’associazione mafiosa.

La pena prevista, inoltre, era inferiore rispetto a quella introdotta dalla legge n. 43/2019 essendo prevista una sanzione detentiva da sei a dodici anni e nessun riferimento veniva altresì fatto alla pena accessoria attualmente contemplata dal “nuovo” art. 416-ter, c. 4, c.p. fermo restando che, nel 2017, le parole «da sei a dodici anni» erano state sostituite alle parole «da quattro a dieci anni»  dall’art. 1, comma 5, l. 23 giugno 2017, n. 103.

La versione originariamente introdotta nel 1992

Va infine rilevato, per dovere di completezza informativa, che l’art. 416-ter c.p. venne originariamente introdotte nel nostro ordinamento giuridico dall’art. 11-ter, d.l. 8 giugno 1992 n. 306, conv., con modif., nella l. 7 agosto 1992 n. 356 nei seguenti termini: “La pena stabilita dal primo comma dell’articolo 416-bis si applica anche a chi ottiene la promessa di voti prevista dal terzo comma del medesimo articolo 416-bis in cambio della erogazione di denaro”.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonio-di-tullio-d-elisiis

Di Tullio D'Elisiis Antonio

Avvocato iscritto al foro di Larino (CB) e autore di diverse pubblicazioni redatte per conto di differenti case editrici. In particolare sono stati scritti molteplici libri, nonché e-book, prevalentemente in materia di diritto e procedura penale per la Maggioli editore, oltre che redatte da un lato, tre monografie rispettivamente sulle vittime di reato, mediante un commento del decreto legislativo, 15/12/2015, n. 212, per Altalex editore e sulla giustizia penale minorile e sui mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova per Nuova Giuridica, dall'altro, quattro monografie per la Primiceri editore (dibattimento nel processo penale; le impugnazioni straordinarie in ambito penale, il ruolo della parte civile nel processo penale e l'esecuzione penale). Per Diritto.it è Referente dell'area di Diritto penale e Procedura penale.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it