Procedimenti complessi e pronuncia sulle spese di lite

Procedimenti complessi: le pronunce sulle spese

di Redazione

Versione PDF del documento

Procedimenti complessi: come vengono liquidate le spese

Questo contributo è tratto da

Le spese di lite

Le spese di lite

Giuseppe De Marzo, Ida Cubicciotti, Cristina Maria Celotto, 2019, Maggioli Editore

Il volume vuole essere una guida per il Professionista che deve considerare, oltre agli aspetti tecnici e giuridici del proprio operato, altresì quelli economici. L’attività forense ha invero un costo e risulta opportuno valutare in via preventiva quali sono i rischi...




Si è visto che il principio della soccombenza trova la sua ragione pratica nella considerazione secondo cui, nell’ipotesi in cui le spese del processo dovessero restare a carico della parte vittoriosa che le ha anticipate, questa, pur ottenendo ragione con la decisione del giudice, vedrebbe un riconoscimento parziale delle proprie pretese, dovendo decurtare dal bene della vita ottenuto il costo delle spese di lite. In definitiva, il criterio legislativo che pone le spese a carico del soccombente rappresenta uno strumento ulteriore per garantire l’effettività della tutela giurisdizionale e del diritto di difesa. E, in tale prospettiva, come si vedrà nel capitolo che segue, si colgono anche i limiti del medesimo principio segnati dalla concorrente regola della soccombenza, quali delineati dall’art. 92, secondo comma, c.p.c., nel testo che scaturisce dalla pronuncia della Corte costituzionale 19 aprile 2018, n. 77.
Come si avrà modo di rilevare, quest’ultima decisione, chiamata a valutare la legittimità dell’art. 92, secondo comma, cit., nella parte in cui consentiva, nell’ultima versione, di compensare le spese, oltre che nel caso di soccombenza reciproca, nelle sole ipotesi di assoluta novità della questione trattata o di mutamento della giurisprudenza rispetto a questioni dirimenti, ha chiarito che contrasta con il principio di ragionevolezza e con quello di eguaglianza (art. 3, primo comma, Cost.) aver il legislatore del 2014 tenuto fuori dalle fattispecie nominate, che facoltizzano il giudice a compensare le spese di lite in caso di soccombenza totale, le analoghe ipotesi di sopravvenienze relative a questioni dirimenti e a quelle di assoluta incertezza, che presentino la stessa, o maggiore, gravità ed eccezionalità di quelle tipiche espressamente previste dalla disposizione censurata. La rigidità di tale tassatività ridonda anche in violazione del canone del giusto processo (art. 111, primo comma, Cost.) e del diritto alla tutela giurisdizionale (art. 24, primo comma, Cost.) perché la prospettiva della condanna al pagamento delle spese di lite anche in qualsiasi situazione del tutto imprevista ed imprevedibile per la parte che agisce o resiste in giudizio può costituire una remora ingiustificata a far valere i propri diritti.
In tale cornice normativa occorre ora considerare il tema della liquidazione delle spese nei procedimenti complessi, sul piano oggettivo, per la presenza di una pluralità di domande, o sul piano soggettivo, per la presenza di una pluralità di parti.

Cominciando ad esaminare la prima ipotesi, ossia la presenza di una pluralità di domande contrapposte, il giudice, qualora non opti per una compensazione totale, potrebbe giungere, attraverso la compensazione parziale, a derogare al principio per il quale la parte vittoriosa non può mai essere condannata al pagamento delle spese (1).
Al riguardo, si osserva che, secondo la giurisprudenza, la nozione di soccombenza reciproca, che consente la compensazione parziale o totale tra le parti delle spese processuali, ai sensi dell’art. 92, secondo comma, c.p.c., si verifica – anche in relazione al principio di causalità – nelle ipotesi in cui vi è una pluralità di domande contrapposte, accolte o rigettate e che siano state cumulate nel medesimo processo fra le stesse parti, ovvero quando venga accolta parzialmente l’unica domanda proposta, sia essa articolata in un unico capo o in più capi, dei quali siano stati accolti uno o alcuni e rigettati gli altri (2).
La soluzione riposa su un principio di parallelismo, nel senso che, diversamente opinando, l’attore, in quanto non soccombente, non potrebbe essere neanche considerato legittimato ad impugnare la pronunzia che abbia accolto la sua domanda solo in parte (3).
Sia in questa ipotesi, che può non sollevare problemi di complessità oggettiva, sia nel caso di domande contrapposte (4), la giurisprudenza di legittimità ha avuto modo di precisare quanto segue.
La soccombenza è una nozione descrittiva, relativa all’esito delle domande proposte dalle parti: essa esprime, più in generale, la coincidenza tra le richieste delle parti stesse e la decisione del giudice.
I cd. principi di causalità e di soccombenza esprimono invece una regola destinata ad operare per l’attribuzione del carico delle spese di lite: la regola per cui alla parte soccombente, e cioè alla parte le cui richieste siano state disattese dal giudice, si imputano gli oneri processuali necessari ai fini della relativa decisione, per avervi dato causa. Il principio della soccombenza è previsto dall’art. 91 c.p.c., come criterio di regolazione delle spese di lite per il caso in cui vi sia una parte integralmente soccombente ed una integralmente vincitrice.
In tal caso soccombenza e imputazione degli oneri processuali coincidono integralmente: all’unico soccombente vanno imputati tutti gli oneri del processo, in quanto di esso egli ha la totale responsabilità.

La soccombenza

Per il caso in cui invece vi sia parziale reciproca soccombenza, l’art. 92, comma 2, c.p.c., si limita a prevedere la possibilità (non l’obbligo) di una compensazione integrale o parziale delle spese di lite (possibilità prevista anche, fino al dicembre 2014, per il caso di sussistenza di giusti motivi o eccezionali ragioni; successivamente, invece, solo in caso di questioni nuove o sulle quali vi è stato mutamento di giurisprudenza), ma non indica il criterio in base al quale operare la scelta. Tale criterio va individuato nel più generale principio di causalità. Occorre cioè procedere alla individuazione della parte cui siano eventualmente imputabili in prevalenza, per avervi dato causa, agendo o resistendo alle altrui pretese infondatamente, gli oneri processuali ricollegabili all’attività svolta per la istruzione e decisione delle varie domande proposte, o dei vari capi dell’unica domanda, o anche dell’unica domanda che sia risultata solo in parte fondata (5).
Ed è sul piano della causalità che può giungersi, secondo la stessa sentenza, alla conseguenza per cui,
ove sia disposta la compensazione parziale delle spese di lite, è la parte che abbia dato causa in misura prevalente agli oneri processuali, e alla quale quindi questi siano in maggior misura imputabili, quella che può essere condannata al pagamento di tale corrispondente maggior misura.
Al fine di individuare la parte alla quale siano imputabili in misura prevalente gli oneri processuali, il giudice di merito dovrà effettuare una valutazione discrezionale, sebbene non arbitraria ma fondata sul criterio costituito dal principio di causalità, il quale si specifica nell’imputare idealmente a ciascuna parte gli oneri processuali causati all’altra per avere resistito a pretese fondate ovvero per avere avanzato pretese infondate, e nell’operare una ideale compensazione tra essi (con la precisazione che, in tale ideale compensazione, alla parte che agisce vanno riconosciuti per intero gli oneri necessari per la proposizione delle pretese fondate, ridotti in ragione della maggior quota differenziale degli oneri necessari alla controparte per resistere anche alle pretese infondate), e ciò sempre che non sussistano particolari motivi (da esplicitare in motivazione) tali da giustificare la integrale compensazione, o comunque una modifica del carico delle spese (sotto il profilo della esclusione della ripetibilità di una quota di esse in favore della parte pur vittoriosa) in base alle circostanze di cui è possibile legittimamente tener conto ai sensi degli artt. 91 e 92 c.p.c., nel loro testo temporalmente vigente (6).

Questo contributo è tratto da

Le spese di lite

Le spese di lite

Giuseppe De Marzo, Ida Cubicciotti, Cristina Maria Celotto, 2019, Maggioli Editore

Il volume vuole essere una guida per il Professionista che deve considerare, oltre agli aspetti tecnici e giuridici del proprio operato, altresì quelli economici. L’attività forense ha invero un costo e risulta opportuno valutare in via preventiva quali sono i rischi...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!