L'abusiva detenzione del porto di armi

Perseguibile solo il porto abusivo fuori dall’abitazione e non il reato di detenzione abusiva di armi

Andrea Ribichesu

Versione PDF del documento

Corte di cassazione, sezione I penale, n. 5830 06/02/2019

La detenzione di un’arma del tipo dissuasore elettrico professionale a bastone, ove maneggiata fuori dalla propria abitazione, integra la contravvenzione ex art. 4 l. 110/75 e non già il più grave reato di “Detenzione abusiva di armi” ex art. 697 c.p.

È quanto ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza in epigrafe ritenendo, per l’appunto, integrata solo la meno grave fattispecie del “porto abusivo al di fuori della propria abitazione” e non già il più grave reato della “Detenzione abusiva di armi”.

I fatti

Con la sentenza emessa in data 22.11.2018 il Tribunale di X in composizione monocratica assolveva Tizio dal reato di aver acquistato e detenuto presso la propria abitazione un’arma del tipo dissuasore elettrico professionale a bastone, modello UZI 500.000 Volt, considerata arma di tipo comune, senza averne fatto preventiva denunzia all’Autorità competente e senza averne preventivamente richiesto il nulla osta all’acquisto, nonché senza essere munito di regolare permesso di porto d’armi, ai sensi dell’art. 697 c.p. ed artt. 35-49 T.U.L.P.S.).

Concludeva il giudice di prime cure ritenendo “l’arma” come uno strumento liberamente acquistabile in Italia, salvo per il fatto che, ove posseduto, non può essere portato fuori dalla propria abitazione per non incorrere, per l’appunto, nella violazione della L. n. 110 del 1975, articolo 4.

Non poteva, quindi, ritenersi integrata la fattispecie di reato dovendo l’imputato andare assolto perché il fatto non costituisce reato.

Proponeva ricorso il Procuratore della Repubblica denunciando l’inosservanza o erronea applicazione della legge penale, avendo il Tribunale disatteso il principio fissato dalla Suprema Corte nella sentenza n. 49325/2016, secondo il quale “il dissuasore elettrico o taser ha natura di arma da sparo”.

La ratio della norma

L’art. 697 c.p. rubricato per l’appunto Detenzione abusiva di armi, punisce con l’arresto da tre a dodici mesi o con l’ammenda fino ad €.371 la condotta di chiunque detiene armi o munizioni senza averne fatto preventiva denuncia all’Autorità, quando la denuncia è richiesta.

Prosegue la norma, al comma 2, che: “Chiunque, avendo notizia che in un luogo da lui abitato si trovano armi o munizioni, omette di farne denuncia alle autorità, è punito con l’arresto fino a due mesi o con l’ammenda fino ad €. 258.”

Il bene giuridico tutelato dalla norma incriminatrice è costituito dall’ordine pubblico e dagli interessi generali dello Stato.

L’elemento oggettivo del reato di cui all’art. 697 co.1  c.p. consiste nella detenzione di un arma non immediatamente denunciata all’autorità di Pubblica Sicurezza, laddove per detenzione si intende l’esercizio, in maniera mediata o immediata, di un potere di fatto sull’arma medesima, con la consapevolezza di possederla contra legem.

La norma prevede la necessità di una lettura combinata con il T.U.L.P.S., in particolare con l’art. 38 del T.U.L.P.S., il quale prevede, relativamente all’obbligo di denuncia immediata, che esso nasca non appena ha inizio l’autonoma detenzione dell’arma, indipendentemente dalla causa.

È bene rammentare che il presupposto fondamentale affinché la detenzione dell’arma debba confluire in una apposita denuncia è costituito dall’idoneità all’impiego della stessa, escludendo la configurabilità del reato in presenza di armi inservibili o prive di parti essenziali, nonché le armi improprie ovvero gli strumenti idonei all’offesa, rispetto ai quali è vietato il porto, ma non anche la detenzione.

Da un punto di vista psicologico, il primo comma dell’art. 697 c.p. è caratterizzato dal dolo generico, di contro, si configura sia il dolo che la colpa per l’ipotesi disciplinata dal secondo comma.

Il principio di diritto sancito dalla Suprema Corte

Previa riqualificazione all’interno degli “stungun” dell’arma di cui sopra la Suprema Corte non ha ritenuto ascrivibile tale tipologia di dissuasore elettrico alla categoria  “arma comune da sparo”.

Acclarata, infatti, la natura diarma comune da sparo” del taser o del dissuasore elettrico, il quale ha il funzionamento tipico di tali armi che, lanciando peraltro piccoli dardi che a contatto con l’offeso scaricano energia elettrica sono quindi idonei ad arrecare danno alla persona, lo stungun, per le sue caratteristiche tecniche non può, in alcun modo, ritenersi idoneo ad essere annoverato all’interno di tali categorie.

Pertanto, essendo lo stungun, per le sue intrinseche caratteristiche tecniche, differente rispetto ai taser, all’imputato poteva essere perseguito solo ed esclusivamente il porto abusivo al di fuori della propria abitazione, ai sensi della L. n. 110 del 1975, art. 4, e non già come richiesto dal Procuratore il più grave reato di cui all’art. 697 c.p.

In conclusione, quindi, il porto abusivo al di fuori della propria abitazione di “dissuasori elettrici modello stungun” integra solo la fattispecie di cui art. 4 L. n. 110 del 1975.

Di contro, ove il dissuasore elettrico rientri all’interno della categoria dei “taser, essendo questi ultimi catalogati come “armi da sparo” il suo possesso privo di qualsivoglia denunzia integrerebbe il reato di cui all’art. 697 c.p.

Volume consigliato

Autori e vittime di reato

Autori e vittime di reato

2018, Maggioli Editore

Il presente volume, pubblicato grazie al sostegno economico dell’Università degli Studi di Milano (Piano di sostegno alla ricerca 2016/2017, azione D), raccoglie i contributi, rivisti ed aggiornati, presentati al convegno internazionale del 7 giugno 2016, al fine di consentire,...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

andrea-ribichesu

Andrea Ribichesu

Laureato presso l'Università degli Studi di Sassari -Facoltà di Giurisprudenza- con la votazione di 105/110 ha discusso una tesi di diritto privato comparato dal titolo “Responsabilità del produttore e azione collettiva: profili comparatistici”. È iscritto all’albo dei dottori praticanti Avvocati di Sassari dal 26 Novembre 2015. Dal 26 Luglio 2018 ha intrapreso una collaborazione con il quotidiano giuridico Giuricivile, Rivista scientifica di diritto e giurisprudenza civile (ISSN: 2532-201X), pubblicata su internet all’indirizzo https://giuricivile.it, ottenendo mensilmente la pubblicazione dei seguenti articoli giuridici riguardanti il diritto civile: • 10/08/2018 “Azione revocatoria del fondo patrimoniale: il litisconsorzio necessario del coniuge non debitore” ; • 01/10/2018 “Indebito arricchimento: la costruzione della casa comune con il convivente”; • 05/10/2018 “Il testamento biologico, origini, profili comparatistici e novità”; • 31/10/2018 “La revocazione della donazione per ingratitudine derivante da ingiuria”; • 05/12/2018 “Compensazione delle spese legali alla luce delle recenti evoluzioni giurisprudenziali”; • 09/01/2019 “Responsabilità per i danni cagionati da animali: la giurisprudenza”; • 30/01/2019 “Circolazione stradale: la responsabilità del conducente dello scuolabus”; Dal 15/01/2019 ha intrapreso una collaborazione con la Rivista scientifica Salvis Juribus (ISSN: 2464-9775), Salvisjuribus.it, vantante un ampio network di cultori della materia giuridica nonché inserita nel portale ROAD patrocinato dall’UNESCO come portale scientifico open access, ottenendo la pubblicazione, presso la medesima, dei seguenti articoli di diritto penale: • 24/01/2019 “Maltrattamento di animali: è reato impedire al cane di abbaiare”; • 17/02/2019 “Inviare missive con accluse foto dal contenuto erotico non integra il reato di molestia ex art. 660 c.p.” Dal 25/02/2019 collabora con la nota Rivista Giuridica online “Diritto & Diritti” (ISSN 1127-8579) (www.Diritto.it), fondata nel 1996 dal Dott. Francesco Brugaletta, Magistrato del Tribunale Amministrativo Regionale di Catania e pubblicista, nonché componente della Commissione Informatica del Consiglio di Stato, ottenendo la pubblicazione dei seguenti contributi mensili: • 25/02/2019 “L’abituale accompagnamento di una donna nel luogo in cui essa si prostituisce integra il reato di favoreggiamento della prostituzione”.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it