Pensioni, dal 2018 si alza l’età minima per le lavoratrici

Pensioni, dal 2018 si alza l’età minima

Redazione

Versione PDF del documento

Formazione del lavoratore

Dal 2018 l’età pensionabile si alzerà per migliaia di lavoratrici a 66 anni e 7 mesi, diventando per tutti la più alta in Europa. Dal 2019, poi, si passerà a 67 anni, mentre negli anni successi l’età dovrebbe continuare ad alzarsi con i progressivi adeguamenti alla speranza di vita. Nel frattempo, però, il Governo si mette a lavoro su alcune iniziative che migliorino le cose per alcune categorie di lavoratori, come uno sconto sull’Ape social per le donne e un importo minimo per la pensione per i giovani. Vediamo di fare chiarezza.

 

Anche le donne in pensione a 66 anni e 7 mesi

Dall’anno prossimo, dunque, anche tutte le lavoratrici donne andranno in pensione di vecchiaia a 66 anni 7 mesi. Non si tratta di una novità, visto che la parificazione dell’età pensionabile di uomini e donne era già prevista dalla tanto vituperata riforma Fornero del 2011, che ha primo alzato l’età della pensione per tutti e poi ha previsto la parità di genere entro il 2018. Una parità senz’altro giusta nella teoria, che però in qualche modo nasconde le diverse condizioni di lavoro di maschi e femmine.

Nello specifico, l’anno prossimo le lavoratrici dipendenti del settore privato (che oggi vanno in pensione a 65 anni e 7 mesi) e le autonome (la cui età pensionabile è ferma a 66 anni e 1 mese) saranno equiparate ai lavoratori uomini e alle dipendenti del settore pubblico, che lasciano già il lavoro a 66 anni e 7 mesi. Come accennato in apertura, questo porterà la totalità dei lavoratori italiani ad andare in pensione all’età più alta d’Europa.

 

Volume consigliato:

 

L’adeguamento alla speranza di vita

Molte polemiche, comunque, suscita l’adeguamento progressivo alla speranza di vita che avrà luogo per tutti a partire dal 2019. L’innalzamento dell’età pensionabile in base ai dati Istat in realtà c’è già stato due volte: nel 2013 la soglia è stata alzata di 3 mesi e nel 2016 di altri 4 (è per questo che oggi la pensione è a 66 anni e 7 mesi). Nel 2019, come visto, l’età minima si alzerà di altri 5 mesi: 67 anni per tutti. E, quel che è peggio, i 67 anni sono fissati per legge e quindi non dipenderanno da un eventuale allungamento della vita media degli italiani.

Dal 2019 in poi, teoricamente, l’adeguamento alla speranza di vita diventerà strutturale e “scatterà” una volta ogni due anni. Si stima, ma non ci sono ancora dati certi un innalzamento di 2 o 3 mesi a biennio. Con buona pace, almeno per ora, delle proteste di lavoratori e sindacati.

Ape social, sconto di 2 anni per le mamme?

Nel frattempo, però, sul tavolo fra Governo e sindacati è stata messa sul piatto un’offerta interessante: uno sconto nei requisiti contributivi per tutte le lavoratrici con figli. Il Governo parla di 6 mesi di contributi in meno a figlio, con un tetto massimo di 2 anni, per accedere alla pensione anticipata. Un’offerta che mirerebbe a controbilanciare il fatto che nella pratica hanno chiesto l’Ape social relativamente poche donne, solo il 30% delle domande totali.

L’Ape social, ricordiamo, permette di andare in pensione a 63 anni ad alcune categorie di lavoratori che si trovano in condizioni svantaggiate: i disoccupati che non percepiscono la prestazione per la disoccupazione da almeno 3 mesi, gli invalidi civili con invalidità superiore al 74%, i lavoratori che assistono un parente affetto da handicap grave e i lavoratori che hanno svolto mansioni gravose in 6 degli ultimi 7 anni. A differenza dell’Ape volontaria, l’Ape social è gratuita.

Pensioni minime di 650 euro per tutti

Allo studio del Governo anche una proposta che aiuti i lavoratori ancora giovani la cui pensione verrà calcolata col sistema contributivo, e in particolare per chi avrà una carriera discontinua e maturerà un assegno pensionistico basso. Se, infatti, attualmente è possibile lasciare il lavoro a 66 anni e 7 mesi solo se si ha maturato un importo superiore a 1,5 volte l’assegno sociale (che è pari a 448 euro), con la nuova proposta la soglia sarebbe ridotta a 1,2 volte tale importo. Si potrà dunque andare in pensione di vecchiaia anche avendo maturato solo 537 euro.

Ma non solo: il punto più importante del nuovo progetto sta nel fatto che i lavoratori si vedrebbero garantito in ogni caso un assegno minimo “di sicurezza” pari a 650 euro al mese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it