Part time nella pubblica amministrazione: firmata la circolare interministeriale per definire le regole

Part time nella pubblica amministrazione: firmata la circolare interministeriale per definire le regole

Redazione

Versione PDF del documento

Sottoscritta, dal ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, dal ministro per le Pari opportunità e dal sottosegretario alle Politiche per la famiglia, una circolare rivolta a tutte le pubbliche amministrazioni in tema di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale per i pubblici dipendenti.

La circolare, la n. 9 del 30 giugno 2011, fornisce indirizzi sulla trasformazione del rapporto sia per l’applicazione della disciplina a regime, così come innovata dal D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008, sia per la gestione della fase transitoria, così come regolata dall’art. 16 della L. 183/2010 (collegato lavoro). In particolare, quest’ultima norma ha previsto la possibilità per le amministrazioni di rivedere le situazioni di part-time già in essere al momento dell’entrata in vigore del D.L. 112/2008, accordando un potere unilaterale speciale per ricondurre i rapporti a tempo pieno nel rispetto dei principi di buona fede e correttezza.

La circolare contiene, quindi, delle raccomandazioni per indirizzare le scelte delle pubbliche amministrazioni nelle eventuali situazioni di contenzioso in essere o in riferimento ai rapporti non ancora esauriti, evidenziando soprattutto i casi in cui i pubblici dipendenti sono titolari per legge di un diritto alla trasformazione (come nel caso dei malati oncologici) o di un diritto di precedenza alla trasformazione (come nel caso di dipendenti che assistono persone disabili o hanno figli minori di tredici anni).

Particolare attenzione viene dedicata ai principi di buona fede e correttezza, cui la norma transitoria fa riferimento e la cui osservanza richiede l’instaurazione di un contraddittorio con l’interessato nonché la valutazione ponderata dell’interesse di cui lo stesso è portatore, al fine di tener conto delle situazioni sottostanti la trasformazione del rapporto e di quelle emerse e consolidatesi successivamente.    

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it