Ordinanza di demolizione: quando è illegittima

Ordinanza di demolizione: quando è illegittima

Iride Pagano

Qui la sentenza: Tar Campania-Salerno - sez. II - sentenza n. 1359 del 29-8-2017

Versione PDF del documento

Recentissima sentenza sul sorvegliato speciale

È illegittima l’ordinanza di demolizione che non sia stata preceduta dalla comunicazione di avvio del procedimento e senza l’effettiva partecipazione dell’interessato.

Con sentenza n° 1359/2017, la Seconda Sezione del T.A.R. Campania-Salerno ha accolto il ricorso proposto avverso un’ordinanza di demolizione e ripristino dello stato dei luoghi, ritenendola illegittima sotto il profilo della mancata comunicazione all’interessato, da parte dell’Amministrazione procedente, dell’avviso di avvio del procedimento sanzionatorio.

 

Il Collegio ha affermato che, nel caso di specie, non è applicabile la previsione  dell’art. 21 octies della  L. n. 241/1990, secondo la quale, nei procedimenti preordinati all’emanazione di ordinanze di demolizione di opere edilizie abusive, l’asserita violazione dell’obbligo di comunicazione dell’avvio dell’iter procedimentale non produce l’annullamento del provvedimento, specie quando emerga che il contenuto dell’ordinanza conclusiva del procedimento non avrebbe potuto essere diverso da quello  in concreto adottato .

 

In particolare, tale principio antiformalistico deve ritenersi recessivo nei casi  in cui, come nella fattispecie, solo la partecipazione dell’interessato, in chiave cooperativa o contraddittoria, poteva garantire che gli accertamenti, le misurazioni, le verifiche ed i riscontri, effettuati unilateralmente dall’Amministrazione procedente, fossero valutati in coerenza con l’affidamento del privato, connesso al consolidato status quo ante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it