Orario di lavoro e sanzioni, circolare del Welfare

di Redazione

Lilla Laperuta

Con la  circolare n. 12552 del 10 luglio 2014, il Ministero del Lavoro, ha  fornito chiarimenti in merito alla sentenza della Corte costituzionale n. 153 del 4 giugno 2014 che, in materia di orario di lavoro, ha ritenuto costituzionalmente illegittimo l’art. 18-bis, commi 3 e 4 del D.Lgs n. 66/2003 nel testo introdotto dal D.Lgs n. 213/2004. Tale modifica, è utile ricordare,  ha comportato un sensibile aggravamento delle sanzioni previste in caso di violazione da parte del datore di lavoro di divieti relativi alla durata massima dell’orario di lavoro, del limite massimo di lavoro straordinario, nonché del limite minimo di riposo giornaliero e di riposo settimanale.

Il Ministero precisa che il vaglio di legittimità si limita alla disciplina in vigore dal 1° settembre 2004 al 24 giugno 2008; pertanto, le DTL sono tenute a rideterminare gli importi scaturiti dalle predette violazioni nei seguenti casi di:

1) rapporti ex art. 17 L. 689/1981, non ancora oggetto di ordinanza ingiunzione, relativi a verbali di contestazione e notificazione di illeciti amministrativi, contenenti le sanzioni di cui alla norma dichiarata incostituzionale;

2) ordinanza ingiunzione emessa, ma senza che sia spirato il termine per l’opposizione giudiziale;

3) opposizione proposta quando il relativo giudizio sia ancora pendente, ovvero la sentenza non sia ancora passata in giudicato.

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!