Medici specializzandi: le modalità di remunerazione

Redazione 05/03/18
Scarica PDF Stampa

 Medici specializzandi: il diverso trattamento economico

La Corte di Cassazione è intervenuta in materia di retribuzione dei medici specializzandi, con la sentenza n. 4449 del 1 marzo scorso, in relazione al trattamento economico a questi riservato, differente a seconda dell’anno di immatricolazione alle scuole. Era stata infatti sollevata una questione di violazione del principio di uguaglianza, tuttavia respinto dai giudici di legittimità. Invero, la Suprema Corte ha chiarito che “il differimento di efficacia delle modalità di remunerazione introdotte dal d. lgs. n. 368 del 1999 ai medici iscritti alle scuole di specializzazione a partire dall’anno accademico 2006-2007 non determina una irragionevole disparità di trattamento rispetto ai medici iscritti in precedenza.

Nel caso di specie, il procedimento era stato avviato da medici specializzandi che avevano conseguito una borsa di studio per la frequenza della scuola di specializzazione, i quali convenivano in giudizio il Ministero dell’Istruzione, il MEF, La Presidenza del Consiglio e la Regione di appartenenza per sollevare una questione pregiudiziale alla Corte di Giustizia Europea circa la compatibilità del diritto interno con quello europeo. In particolare, le disposizioni contestate erano gli artt.37-42 del d. lgs. n. 368/1999, in quanto la loro applicazione veniva posticipata nei confronti dei medici specializzandi che si fosse iscritti alle scuole a partire dall’anno accademico 2006-2007.

Volume consigliato

Responsabilità del medico e risarcimento del danno dopo la riforma Gelli-Bianco

La presente opera è aggiornata alla riforma della responsabilità professionale del personale sanitario di cui  alla legge Gelli-Bianco. La tanto attesa novella affronta e disciplina, tra gli altri, i temi della sicurezza delle cure e del rischio sanitario, della responsabilità dell’esercente della professione sanitaria e della struttura sanitaria pubblica o privata, dei procedimenti giudiziari aventi ad oggetto la responsabilità sanitaria e dell’obbligo di assicurazione. Il testo, con formulario e giurisprudenza, è uno strumento operativo per i professionisti che si trovano a dirimere le questioni giudiziali e stragiudiziali riguardanti la responsabilità del medico e il relativo risarcimento del danno. Il commento, anche attraverso schemi e tabelle, analizza in modo chiaro e dettagliato gli orientamenti giurispruden- ziali, sottolineandone l’aspetto processuale e sostanziale.I principali argomenti affrontati sono:- l’attività medica e i diritti del paziente;- la responsabilità da contatto;- l’aspetto contrattuale del rapporto del paziente con il medico;- la responsabilità nell’ambito del rapporto tra paziente e medico;- il nesso causale nella colpa medica e la violazione delle linee guida;- le varie forme di risarcimento possibili (danno patrimoniale, non patrimoniale, biologico, iatrogeno, morale, esisten- ziale, tanatologico, biologico terminale, parentale);- la responsabilità medica sotto il profilo penale.Nel Cd-Rom allegato trova spazio un ricco formulario, in formato editabile e stampabile.Requisiti minimi hardware e software- Sistema operativo Windows® 98 o successivi- Browser Internet- Programma in grado di editare documenti in formato RTF (es. Microsoft Word)Gianluca Pascale, Avvocato del Foro di Roma. Si occupa di contenzioso in materia di Diritto di famiglia e Responsabilità civile. Dottore di ricerca in Ordine Internazionale e Diritti Umani presso l’Università La Sapienza di Roma e presso la cattedra di Diritto Internazionale Pubblico dell’Università di Jaén. Autore di numerosi saggi e articoli nei campi di Diritto civile e di Diritto internazionale, nonché di diverse monografie tra cui “Autovelox. Ricorsi e tutele contro le sanzioni amministrative” e “Il contratto di fideiussione”.

Gianluca Pascale | 2017 Maggioli Editore

30.00 €  28.50 €

La decisione della Suprema Corte

I giudici di legittimità hanno rigettato le doglianze dei medici ricorrenti. Innanzitutto, la pronuncia ripercorre la ratio delle diverse direttive europee succedutesi in materia di svolgimento dell’attività sanitaria, anche a livello di specializzazione: in particolare, la disciplina intende favorire e fare in modo che il medico dedichi tutta la propria attività professionale al corso teorico-pratico e che per questo debba ricevere un’adeguata retribuzione. In relazione all’applicazione della direttiva europea, dato che dalle istituzioni di Bruxelles non era richiesta l’approvazione dei una disciplina identica in ciascun Stato membro, il fatto che la normativa italiana sia diversa da quella di altri Paesi europei, non costituisce una disparità di trattamento dei medici specializzandi italiani. Parimenti, non vi sarebbe alcuna disparità di trattamento derivante dalla decisione del Legislatore italiano di modulare nel tempo l’applicazione della normativa sopra richiamata: rientra infatti nella discrezionalità del Legislatore il differire l’operatività di una riforma normativa.

Potrebbe interessarti anche Le Sezioni Unite sulla responsabilità penale del medico

Sentenza collegata
56475-1.pdf 933kB
Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati Iscriviti
Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.
Redazione