Manovra Monti (D.L. 201/2011): da oggi "altri" canali distributivi per i farmaci di fascia C

Manovra Monti (D.L. 201/2011): da oggi “altri” canali distributivi per i farmaci di fascia C

admin

Versione PDF del documento

di Lilla Laperuta

Nel Servizio sanitario nazionale (SSN) viene attribuita la Fascia C , ai sensi dell’articolo 8, co. 10, lettera c) L. 537/1993, ai medicinali non essenziali o “salvavita” (per patologie non croniche bensì di lieve entità, o considerate minori). Si tratta di medicinali con obbligo di prescrizione medica ma non rimborsati dal SSN , il cui costo, dunque, è a carico dell’acquirente.

Ebbene all’art. 32 D.L. 201/2011, il decreto ”Salva Italia” (pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale) è decanalizzala la distribuzione della suddetta categoria di farmaci: essi, potranno essere venduti anche al di fuori delle farmacie, e dunque distribuiti negli appositi punti vendita (corners) allestiti all’interno della grande distribuzione e nelle parafarmacie (gli esercizi commerciali di cui all’art. 5, co. 1, D.L. 223/2006 citato nel decreto).

Sono, tuttavia, previsti alcuni limiti:

a) gli esercizi commerciali suindicati devono ricadere nel territorio di Comuni aventi popolazione superiore a 15.000 abitanti (escluse le aree rurali come individuate dai Piani Sanitari Regionali);

b) la vendita dovrà avvenire, nell’ambito di un apposito reparto delimitato, rispetto al resto dell’area commerciale, da strutture in grado di garantire l’inaccessibilità ai farmaci da parte del pubblico e del personale non addetto, negli orari sia di apertura al pubblico che di chiusura;

c) non sono ricomprese nei farmaci liberalizzati le sostanze stupefacenti e psicotrope.

Si prevede poi che concretano casi di pratica commerciale sleale le condizioni contrattuali e le prassi commerciali adottate dalle imprese di produzione o di distribuzione dei farmaci che si risolvono in una ingiustificata discriminazione tra farmacie e parafarmacie quanto ai tempi, alle condizioni, alle quantità ed ai prezzi di fornitura.

È data, inoltre, facoltà alle farmacie e agli esercizi commerciali di cui sopra, di praticare liberamente sconti sui prezzi al pubblico su tutti i prodotti venduti, purché gli sconti siano esposti in modo leggibile e chiaro al consumatore e siano praticati a tutti gli acquirenti.

Si noti che nella versione ufficiale del decreto è stata eliminata la disposizione che prevedeva l’abbassamento a 4.000 del numero di abitanti necessari per l’autorizzazione di una farmacia, quorum uniformato su tutto il territorio. Resta ancora valida, dunque, la L. 475/1968 che prevede nei Comuni con meno di 12.500 abitanti il quorum a 5 mila.

Duro il commento del presidente Assofarma Venanzio Gizzi che nel comunicato del 5 dicembre si è così espresso: “un’operazione mortale per i conti delle farmacie italiane, e certamente le metterebbe nell’impossibilità di realizzare i servizi sanitari di cui si parla da anni e previsti dalla legge 69/2009. Ma, cosa altrettanto grave, significherebbe delegittimare del tutto la farmacia come luogo primario della terapia farmaceutica, dove un professionista altamente specializzato garantisce e sviluppa la prescrizione farmaceutica elaborata dal medico curante attraverso competenze e relazioni specifiche con il paziente.
Nel mentre la recente legislazione intende caricare la farmacia di nuove funzioni, le recenti scelte del Governo sembrano privarla di quelle risorse e considerazione necessarie al proprio sviluppo.
Se tutto ciò diventasse realtà – conclude Gizzi –, l’Italia sarebbe il primo paese europeo in cui il cittadino può acquistare un farmaco prescritto con ricetta medica in un ambiente diverso dalla farmacia”.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!