Manovra economica 2011: gli incentivi all’imprenditoria giovanile

Manovra economica 2011: gli incentivi all’imprenditoria giovanile

di Redazione

Versione PDF del documento

L’articolo 27 della manovra correttiva (disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria) prevede un regime di agevolazione fiscale per i giovani che intendano costituire nuove imprese, ed anche per coloro che hanno perso il lavoro.

La concessione dei benefici è subordinata al fatto che il soggetto non abbia esercitato, nei 3 anni precedenti, attività artistica, professionale o d’impresa, e che l’attività per la quale si richiede l’agevolazione non sia in nessun modo prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo.

Coloro che, per un mero fattore temporale, e cioè perché hanno intrapreso l’attività dopo il 31 dicembre 2007, non rientrano nel regime agevolato, possono comunque essere esonerati dagli obblighi di registrazione e di tenuta delle scritture contabili, rilevanti ai fini delle imposte dirette e dell’imposta sul valore aggiunto, nonché dalle liquidazioni e dai versamenti periodici rilevanti ai fini dell’IVA previsti dal decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n. 100, nonché dall’imposta regionale sulle attività produttive.

Si ricorda, infine, che i soggetti aventi diritto al regime agevolato possono in ogni caso optare per il regime contabile ordinario, restando comunque nelle loro facoltà di approfittare dei benefici in un secondo momento.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it