Omessa pronuncia su una domada, un'eccezione o un'istanza

L’omessa pronuncia su una domanda, un’eccezione o un’istanza ritualmente introdotta in giudizio deve essere fatta valere esclusivamente ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 4 c.p.c.

di Redazione

Versione PDF del documento

Nota a Cass. civ. Sez. VI, 24 gennaio 2019, n. 2101

La recente sentenza della Suprema Corte (Cass. civ. Sez. VI, 24 gennaio 2019, n. 2101) offre lo spunto per analizzare e delineare le differenze tra il motivo di cui all’art. 360 c.p.c., 1 comma n. 4 e il novellato motivo di cui al n. 5 della medesima norma.

Le sentenze pronunciate in grado di appello o in un unico grado possono essere impugnate per Cassazione, ex art. 360 c.p.c., 1 comma, n. 4 c.p.c., per nullità della sentenza o del procedimento.

Tale ipotesi si verifica quando la sentenza impugnata è inficiata da vizi di attività, ossia da errores in procedendo, derivanti dalla violazione di norme processuali che riguardano la sentenza come atto, la costituzione del giudice e il procedimento. In queste ipotesi, ossia quando si deduce in Cassazione un error in procedendo, il giudice di legittimità, che stabilirà se la violazione è avvenuta o meno, nell’esaminare il fatto e le motivazioni di diritto svolte dal giudice di merito, può interpretare autonomamente gli atti processuali.

Approfondisci su:” Aula Civile”

Volume consigliato

I danni non patrimoniali

I danni non patrimoniali

Gianluca Pascale, 2019, Maggioli Editore

L’Opera ricostruisce in modo chiaro ed esauriente l’attuale assetto del danno non patrimoniale,esplicando la normativa di riferimento alla luce dell’evoluzione giurisprudenziale che, non senza contrasti, ha risolto le principali criticità della disciplina. Completo...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!