L'imputabilità rappresenta un presupposto essenziale della colpevolezza.
Home » News » Focus

L’imputabilità penale

Redazione

Versione PDF del documento

L’imputabilità rappresenta un presupposto essenziale della colpevolezza.

Il reato può considerarsi illecito quando venga commesso da un soggetto potenzialmente libero, padrone dei propri comportamenti, in grado di rappresentarsene il significato e le conseguenze e, proprio per questo, assoggettabile alla reazione dell’ordinamento: se il reo non è in grado di intendere e di volere, non potrà essere risocializzato e, conseguentemente, non sarà punibile. L’imputabilità, quale capacità di intendere e di volere ex. art.85 c.p.,  si differenza dalla colpevolezza, quale coscienza e volontà del fatto illecito che l’agente sta compiendo; entrambe esprimono categorie giuridiche concettualmente diverse ed operanti su piani diversi, benché ovviamente la prima, come substrato naturalistico della responsabilità penale, vada accertata con criterio di priorità rispetto alla seconda.

I soggetti non imputabili

Stante quanto sopra chiarito, qualora il reato commesso sia stato commesso da persona seminferma di mente deve essere in ogni caso oggetto di ricognizione e verifica la sussistenza dell’elemento psicologico del commesso reato, atteso che anche nella condizione di imputabilità diminuita residua pur sempre la capacità di intendere e di volere. La capacità di intendere viene ricondotta all’idoneità del soggetto a rendersi conto del valore delle proprie azioni, ad orientarsi nel mondo esterno secondo una percezione non distorta della realtà, e quindi nella capacità di rendersi conto del significato del proprio comportamento e di valutarne conseguenze e ripercussioni, ovvero di proporsi una corretta rappresentazione del mondo esterno e della propria condotta. La capacità di volere, invece, consiste nell’idoneità del soggetto ad autodeterminarsi, in relazione ai normali impulsi che ne motivano l’azione, in modo coerente ai valori di cui è portatore, ovvero nel potere di controllare gli impulsi ad agire e di determinarsi secondo il motivo che appare più ragionevole o preferibile in base ad una concezione di valore, e nell’attitudine a gestire un’efficiente regolamentazione della propria libera autodeterminazione; in sostanza, nella capacità di intendere i propri atti, come ancora si esprime la dottrina.

I fattori patologici e non

L’imputabilità può essere esclusa da fattori patologici, quali il vizio totale o il vizio parziale di mente, dall’immaturità (nel caso dei minorenni), dalla cronica intossicazione da alcool o dal sordomutismo (per quanto il progresso scientifico abbia oramai rimosso gli ostacoli alla maturità psichica che comportava tale malattia). Gli articoli 88 e 89 c.p. dispongono l’esclusione o la diminuzione dell’imputabilità in presenza di un vizio della mente talmente rilevante da compromettere la capacità di intendere e di volere del soggetto agente. Il vizio di mente è categoria i cui contenuti non sono di facile individuazione ed è al contempo un campo in cui il diritto e la scienza medica si confrontano e dialogano. Anche il mero disturbo di personalità, anche solo transeunte, può far scemare la capacità d’intendere e volere, purché il vizio sia grave, intenso e causale rispetto al reato. I disturbi della personalità, che non sempre sono inquadrabili nel ristretto novero delle malattie mentali, possono rientrare nel concetto di infermità, purché siano di consistenza, intensità e gravità tali da incidere concretamente sulla capacità di intendere o di volere, escludendola o scemandola grandemente, e a condizione che sussista un nesso eziologico con la specifica condotta criminosa, per effetto del quale il fatto di reato sia ritenuto causalmente determinato dal disturbo mentale.

Volume consigliato

Psicologia giuridica nel processo penale, minorile e penitenziario

Psicologia giuridica nel processo penale, minorile e penitenziario

Anna Maria Casale, Maria Sabina Lembo, Paolo De Pasquali (a cura di), 2016, Maggioli Editore

L’opera è un’analisi dei rapporti tra scienze psicologiche e diritto il testo chiarisce gli ambiti di competenza dell’esperto (psicologo, psichiatra, neuropsichiatra infantile) quando deve rispondere ad un quesito posto dal magistrato nell’ambito del PROCESSO...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it