Limitazioni agli acquisti transfrontalieri

Limitazioni agli acquisti transfrontalieri

di Redazione

Riportiamo di seguito un abstract dell'articolo, che può essere letto integralmente su Leggi Oggi a questo indirizzo

Versione PDF del documento

Come regola generale è prevista la libera circolazione di persone, merci e capitali all’interno dell’Unione Europea, cioè non sono previste restrizioni particolari né obblighi di dichiarazione alle frontiere.
Il consumatore che viaggia in Europa può, quindi, effettuare acquisti purché l’acquisto sia per uso personale senza che il prodotto debba essere rivenduto.
Ciò in quanto le tasse (IVA e accise) sono incluse nel prezzo di vendita e in nessun Paese dell’UE può essere richiesto alcun ulteriore pagamento.

Potrebbe interessarti anche: Rottamazione cartelle Equitalia, come aderire alla sanatoria? Incluse multe e IVA

Alcuni limiti di trasporto
Vi sono, tuttavia, dei limiti con riferimento al trasporto di alcuni prodotti, come il tabacco e l’alcool, i quali possono essere trasportati nelle seguenti quantità, sempre per uso personale:
– 800 sigarette
– 400 cigarillo
– 200 sigari
– 1 kg di tabacco
– 10 litri di bevande alcoliche (più di 22% di tenore d’alcol)
– 20 litri di bevande alcoliche (meno di 22% di tenore d’alcol)
– 90 litri di vino (di cui un massimo di 60 litri se si tratta di spumante)
– 110 litri di birra
Quando di applica l’Iva sugli acquisti
La possibilità di esenzione dal pagamento dell’IVA riguarda solo i cittadini extracomunitari che effettuano acquisti in europa. Per quanto riguarda, invece i “comunitari” vi è la soggezione all’ IVA.
Ciò posto, i comunitari non avranno alcuna convenienza, per esempio, ad acquistare nei cosiddetti negozi “duty free” che si trovano all’interno degli aeroporti ma anche presenti in zone ad alta affluenza turistica dove non si paga l’IVA sugli acquisti, attesa la soggezione alla tassa stessa.
Come si applica l’Iva sulle automobili
Per ciò che concerne, ad esempio, l’acquisto di un’auto nuova da un altro Stato membro, il pagamento dell’IVA deve essere effettuato nello Stato di destinazione. Se il veicolo comprato invece è di seconda mano, l’IVA sarà invece inclusa nel prezzo di vendita.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!