Legge di stabilità 2015: ok della Camera

Legge di stabilità 2015: ok della Camera

di Redazione

Versione PDF del documento

Camera e Senato lavorano senza interruzioni alla Legge di stabilità 2015, che, il 30 novembre 2014, è stata approvata dalla Camera e si appresta al suo ultimo passaggio in Senato, prima di diventare legge. L’Aula di Montecitorio ha approvato la legge di stabilità con 324 voto favorevoli, 108 voti contrari.

 

Isee, pensioni e Local Tax sono le principali modifiche che interessano sia le pubbliche amministrazioni che i privati cittadini.

 

Riportiamo tutti i punti principali della manovra:

 

Lavoro: diventa definitiva la misura che prevede il bonus di 80 euro in busta paga per i lavoratori dipendenti con redditi sotto i 24mila euro annui.
Aumentano, inoltre, da 5,29 euro a 7 euro l’importo dei buoni pasto non sottoposi a tassazione (dal 1° luglio 2015).
Sono previsti anche incentivi all’assunzione per tre miliardi. Viene assicurato lo scontro sui contributi previdenziali alle aziende che apriranno le porte a nuovi addetti, assumendoli a tempo indeterminato. Il tetto sarà pari a 8mila euro all’anno per ogni lavoratore che non abbia lavorato nel semestre precedente con contratto a tempo indeterminato. Lo sgravio assicurerà 36 mesi di versamenti più bassi all’impresa.

 

Bonus bebè: 80 euro al mese per 3 anni per bambini nati o adottati entro il 31 dicembre 2015 riservato a famiglie con tetto Isee pari a 25mila euro annui. L’importo mensile raddoppia (cioè 160 euro al mese per 3 anni) in caso di famiglia in condizioni di povertà assoluta (valore Isee sotto i 7mila euro).

 

Riforma ISEE: i dati raccolti dal nuovo sistema Isee, che debutterà a gennaio con la neonata dichiarazione sostitutiva unica, andranno a incrociarsi con l’anagrafe dei conti correnti tenuta dall’Agenzia delle Entrate e servirà per promuovere azioni anche preventive contro potenziali evasori.

 

Pensioni: modifica importante sulle pensioni d’oro. Viene stabilito un tetto per tutti i manager pubblici ritirati dal servizio. In contempo, è concesso andare in pensione prima dei 62 anni, qualora si siano maturati i requisiti pre Fornero, senza alcuna penalizzazione. La misura in questione sarà valida fino alla fine del 2017.

 

Local tax: è in cantiere, ma ancora assente dal testo la nuova tassa unica sugli immobili che sostituirà Imu e Tasi. L’appuntamento però è rimandato ai prossimi giorni, quando la Legge di Stabilità 2015 approderà in commissione Bilancio al Senato.

 

Bonus ristrutturazioni: prorogato fino al 31 dicembre 2015 il bonus per detrarre il 50% sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (10 rate annuali e importo massimo pari a 10mila euro) in abbinamento a ristrutturazione edilizia.

 

Ammortizzatori sociali: la dotazione del fondo aumenta di 400 milioni di euro rispetto a quanto previsto nel testo precedente.

 

VAI AL TESTO UFFICIALE DELLA LEGGE DI STABILITA’ 2015 APPROVATO ALLA CAMERA

 

Vai alle misure punto per punto

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!