La tassazione dei redditi derivanti dall’attività di staking di cripto-valute

Rosario Bello 28/09/22
Scarica PDF Stampa
    Indice

  1. La posizione dell’Agenzia delle Entrate
  2. La sussistenza del reddito di capitale

>>>Leggi l’intervento dell’Agenzia delle Entrate<<<

1. La posizione dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, Direzione Centrale Persone fisiche, lavoratori autonomi ed enti non commerciali, con la risposta n. 433/2022, ha fornito una spiegazione inerente la disciplina della tassazione dei redditi scaturenti dall’attività di staking di cripto-valute. Le remunerazioni percepite dalle persone fisiche mediante cripto-valuta, al di fuori dell’attività d’impresa, per l’attività di staking sono soggette ad imposizione e, pertanto, se accreditate nel wallet (ovvero un conto online) da una Società italiana, quest’ultima è sottoposta all’ applicazione della ritenuta a titolo d’imposta nella misura del 26% ai sensi dell’articolo 26, comma 5, del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 – Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi -. Di conseguenza, tali remunerazioni non dovranno essere indicate nel Modello Redditi della persona fisica in quanto la ritenuta è applicata a titolo d’imposta.

La remunerazione che scaturisce dall’attività di “staking”, ovverosia del corrispettivo in cripto-valute spettante all’Istante a fronte del “vincolo di disponibilità” delle stesse, cioè di un vincolo di non utilizzo per un certo periodo di tempo, si ritiene utilizzabile in virtù di quanto disposto dall’art. 44 c. 1 lettera h) del Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 – Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi – (TUIR). Sicché, sono ascrivibili tra i redditi di capitale sulla base di tale fattispecie impositiva non solamente i redditi che siano determinati o predeterminabili, ma anche quelli variabili in quanto la relativa misura non sia collegata a parametri prefissati.


Potrebbero interessarti anche:


2. La sussistenza del reddito di capitale

Ai fini della sussistenza di un reddito di capitale è sufficiente l’esistenza di un qualunque rapporto mediante il quale venga posto in essere un impiego di capitale e quindi anche rapporti che non siano a prestazioni corrispettive ovvero nei quali il nesso di corrispettività non intercorra tra la concessione in godimento del capitale ed il reddito conseguito. Sicché, possono essere soggetti ad imposizione sulla base di tale statuizione non soltanto quei ricavi che sono giuridicamente definibili come frutti civili (ai sensi dell’articolo 820 del codice civile) ovvero quei guadagni che sono dovuti come corrispondente del godimento che altri abbia di un capitale, ma anche tutte quelle entrate che trovano origine in un relazione che presenti come funzione quella di permettere un uso del capitale.

Volume consigliato

Blockchain, Criptovalute, I.C.O. e Smart Contract

L’opera, con un taglio pratico, analizza le realtà emergenti, dal significativo impatto economico, delle valute virtuali (meglio note come criptovalute), della Blockchain, degli Smart Contract (c.d. contratti intelligenti) e delle I.C.O. (Initial Coin Offering), nuovo strumento (digitale) di finanziamento mediante offerta di token, esplicitando il significato di ciascuna. L’opera si compone di due parti. Nella prima parte (dell’Avv. Stefano Comellini) vengono affrontate le tematiche giuridiche e, anche con il conforto di itinerari giurisprudenziali, pareri dell’Amministrazione finanziaria e delibere di Autorità di vigilanza sui mercati finanziari, viene offerta una panoramica sulle norme applicabili, anche sotto il profilo della disciplina antiriciclaggio, con un approfondimento del trattamento fiscale delle criptovalute e degli utility token. Nella seconda parte (dell’Ing. Marco Vasapollo), con un linguaggio tecnico (ma comprensibile anche ai non esperti di informatica), viene illustrato come si creano e come funzionano le criptovalute – in particolare, viene esplicitato cosa sono le criptovalute e quali sono quelle attualmente in vigore – e gli smart contract nonché le ulteriori prospettive di utilizzo, oltre le valute virtuali, della blockchain.Stefano Comellini Laureato in giurisprudenza all’Università di Bologna, con una tesi in Scienza delle Finanze e Diritto Finanziario, è av- vocato in Bologna e patrocinante in Cassazione. Si occupa prevalentemente di Diritto Industriale, di Diritto dell’Infor- matica e delle Telecomunicazioni e di Diritto della Privacy. E’ iscritto nell’elenco dei rappresentanti presso la EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale). Relatore in convegni, è autore dei testi “Il Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer – DPO)”, “Il Regolamento generale sulla Protezione dei dati personali e la nomina del DPO nella Pubblica Amministrazione” e “La moneta elettronica. Altri sistemi di pagamento elettronici e valute virtuali (Criptovalute)”, pubblicati da Maggioli Editore.Marco Vasapollo Ingegnere Informatico, ha conseguito la laurea magistrale presso l’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna. Come libero professionista ha svolto attività di docente in vari corsi di programmazione e di consulente di aziende nazionali ed internazionali, lavorando su progetti in ambito assicurativo, bancario, amministrativo e della logistica su larga scala. Nel 2017 ha fondato MetaRing, la sua Startup di Software. Attualmente si occupa di consulenza ed evangelizzazione del paradigma blockchain. Come libero professionista ha svolto attività di docente in vari corsi di programmazione e di consulente di aziende nazionali ed internazionali, lavorando su progetti in ambito assicurativo, bancario, amministrativo e della logistica su larga scala. Nel 2017 ha fondato MetaRing, la sua Startup di Software. Attualmente si occupa di consulenza ed evangelizzazione del paradigma blockchain.Soluzioni di Diritto è una collana che offre soluzioni operative per la pratica professionale o letture chiare di problematiche di attualità. Uno strumento di lavoro e di approfondimento spendibile quotidianamente. L’esposizione è lontana dalla banale ricostruzione manualistica degli istituti ovvero dalla sterile enunciazione di massime giurisprudenziali. Si giunge a dare esaustive soluzioni ai quesiti che gli operatori del diritto incontrano nella pratica attraverso l’analisi delle norme, itinerari dottrinali e giurisprudenziali e consigli operativi sul piano processuale.

Stefano Comellini – Marco Vasapollo | 2019 Maggioli Editore

20.00 €  19.00 €