La s.c.i.a. e i termini per l’esercizio del potere inibitorio

di Pagano Iride, Avv.

Qui la sentenza: Tar Campania-Salerno - sez. II - sentenza n. 1409 del 26-9-2017

Versione PDF del documento

Condividi con:

La s.c.i.a., una volta decorsi i termini per l’esercizio del potere inibitorio, costituisce un titolo abilitativo equiparabile al provvedimento espresso, che può essere rimosso solo attraverso l’esercizio del potere di autotutela , secondo le prescrizioni dell’art. 19, comma 4, della Legge n. 241/1990.

 

La sentenza in commento della Seconda Sezione del T.A.R. Campania- Salerno ha dichiarato illegittimo il provvedimento in autotutela emesso da un’Amministrazione Comunale oltre i termini previsti dall’ordinamento per l’esercizio del potere inibitorio – repressivo di una s.c.i.a..

 

La decisione segnalata afferma che la segnalazione certificata, una volta decorsi i termini per l’esercizio del potere inibitorio, costituisce un titolo abilitativo valido ed efficace, equiparabile al rilascio del provvedimento espresso, che può essere rimosso, per espressa previsione legislativa, solo attraverso l’esercizio del potere di autotutela decisoria nel rispetto delle prescrizioni dell’art. 19, comma 4, della Legge n. 241/1990. Pertanto,una volta scaduto il termine perentorio previsto per verificare la sussistenza dei relativi presupposti,è illegittimo un provvedimento repressivo di autotutela adottato senza le garanzie e i presupposti richiesti dall’art. 21 nonies della L. n. 241/1990 .

 

Nel caso di specie, non sussistono i presupposti, inderogabilmente stabiliti dall’art. 21 nonies L. n. 241/90, in ordine all’emersione di un interesse pubblico, concreto ed attuale, alla rimozione del provvedimento autorizzativo tacito, ormai consolidatosi per il decorso del termine perentorio, stabilito dalla legge per l’esercizio del potere inibitorio, né sono state rispettate , trattandosi di provvedimento di secondo grado , le garanzie partecipative, del pari inderogabilmente previste dalla legge generale sul procedimento.

 

Volume consigliato:

Diritto amministrativo

Diritto amministrativo

a cura di Gabriele Carlotti e Alberto Clini, 2017, Maggioli Editore

Con l’introduzione del Codice del processo amministrativo (d.lgs 2 luglio 2010, n. 104), si è pervenuti ad una disciplina organica ed unitaria del giudizio, sia nella scansione delle fasi processuali che nella completezza dei singoli istituti che le...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

iride-pagano

Pagano Iride

Svolge la professione in Nocera Inferiore (SA) Ha ottenuto una borsa di studio presso la L.U.I.S.S.-Roma in Diritto degli Enti Locali Ha maturato esperienza professionale di difesa e rappresentanza in giudizio, anche innanzi alle Giurisdizioni Superiori, a favore sia di privati che di Amministrazioni Pubbliche Locali. Si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, con particolare riferimento all'urbanistica, all'edilizia, al risarcimento danni nei confronti della P.A., alle procedure a evidenza pubblica,  al giudizio di esecuzione del giudicato; di diritto civile nei rapporti paritetici con la P.A..


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!