La mora del creditore, definizione e caratteri

La mora del creditore, definizione e caratteri

Alessandra Concas Referente Aree Diritto Civile, Commerciale e Fallimentare e Diritto di Famiglia

Versione PDF del documento

Si ha mora del creditore, o mora accipiendi, si ha quando il creditore, senza un motivo legittimo, ad esempio, l’irregolarità dell’adempimento, rifiuta di ricevere la prestazione o di compiere il necessario perché il debitore possa adempiere.

Dalla mora derivano una serie di conseguenze sfavorevoli al creditore, che deve risarcire i danni causati, sostenere le spese per la custodia e la conservazione della cosa dovuta, sopportare il rischio dell’impossibilità sopravvenuta della prestazione per causa non imputabile al debitore, oltre a non essergli più dovuti gli interessi o i frutti della cosa non percepiti dal debitore.

La costituzione in mora

Il creditore è costituito in mora a seguito dell’offerta da parte del debitore.
Gli effetti della mora si verificano dal giorno dell’offerta, se è successivamente dichiarata valida con sentenza passata in giudicato o se è accettata dal creditore.

Quando l’obbligazione ha per oggetto danaro, titoli di credito o cose mobili da consegnare al domicilio del creditore, l’offerta deve essere reale.

Quando l’obbligazione ha per oggetto cose mobili da consegnare in luogo diverso dal domicilio del creditore, l’offerta consiste nell’intimazione al creditore di riceverle, con atto a lui notificato nelle forme prescritte per gli atti di citazione.

Se deve essere consegnato un immobile, l’offerta consiste nell’intimazione al creditore di prenderne possesso.

Se la prestazione consiste in un fare, la costituzione in mora avviene attraverso l’intimazione di ricevere la prestazione o di compiere gli atti da parte sua necessari per renderla possibile.

Il rifiuto del creditore

Se il creditore rifiuta l’offerta, il debitore può liberarsi dalla sua obbligazione eseguendo il deposito di quello che è dovuto.

Se il deposito è accettato dal creditore o dichiarato valido con sentenza passata in giudicato, il debitore è liberato.

In caso di beni immobili, il debitore può chiedere al giudice la nomina di un sequestratario e si libera alla consegna dell’immobile al sequestratario (artt. 1206-1217 c.c.).

Volume consigliato

Nuovo formulario commentato del processo civile

Nuovo formulario commentato del processo civile

Lucilla Nigro, 2018, Maggioli Editore

Aggiornato al Decreto Dignità n. 96/2018, nonché alla sentenza delle Sezioni Unite, n. 18287/2018 in materia di assegno divorzile il testo rappresenta lo strumento operativo, per l’Avvocato e il Professionista giuridico, utile per cercare la soluzione non solo sotto il...



 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it