Iscrizione all’elenco del tribunale per i delegati alle vendite

Iscrizione all’elenco del tribunale per i delegati alle vendite

Redazione

Versione PDF del documento

Bisognerà iscriversi in un elenco specifico tenuto in tribunale se si vuol entrare a far parte dei professionisti ammessi alla vendita di beni pignorati. Questo è quanto consegue da un emendamento che, insieme alla legge di conversione del cosiddetto “decreto banche”, è stato approvato ieri con fiducia dal Senato.

I nuovi obblighi per i professionisti e le modifiche degli elenchi

Perciò, si costituiranno nuovi obblighi verso i professionisti insieme alle modifiche degli elenchi per la delega alle vendite giudiziarie. Per potersi iscrivere a quest’ultimi,  i professionisti dovranno infatti assolvere a uno specifico obbligo di formazione, definito prossimamente con l’emanazione di un decreto del ministero della Giustizia che, dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge, dovrebbe giungere entro 60 giorni. L’adempimento dell’obbligo di formazione sarà oggetto di verifica.

 Le Commissioni sulla vigilanza degli iscritti

Apposite commissioni, costituite presso le Corti di appello, si occuperanno dell’esercizio della vigilanza sugli iscritti e garantiranno la tenuta dell’elenco. Della durata di tre anni, con una sola possibilità di rinnovo, l’incarico dei membri della Commissione sarà senza indennità o retribuzione a carico dello Stato, né prevederà alcun tipo di rimborso spese.

La suddetta commissione dovrà inoltre gestire la valutazione delle domande di iscrizione e l’adozione dei provvedimenti di cancellazione dall’elenco.

Sentiti il Consiglio nazionale forense, il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e il Consiglio nazionale notarile, sarà compito della Scuola superiore della magistratura d’elaborare le linee guida generali che andranno a definire i programmi dei corsi di formazione e di aggiornamento.

Il cancellamento dall’elenco

In casi particolari l’incarico può essere conferito a soggetti non iscritti in nessun elenco. I motivi della scelta dovranno in ogni caso essere indicati analiticamente nel provvedimento con il quale viene conferito l’incarico al professionista delegato alla vendita.

A qualunque professionista cancellato dall’elenco non sarà permesso il reinserimento nel triennio in corso e nel triennio successivo.

 Ora alla Camera, il provvedimento dovrà essere approvato in via definitiva entro la fine del mese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it