Incentivi per i rapporti di lavoro stabilizzati entro il 31 marzo 2013, firmato il decreto

Incentivi per i rapporti di lavoro stabilizzati entro il 31 marzo 2013, firmato il decreto

di Redazione

Versione PDF del documento

Lilla Laperuta

In un  comunicato del 5 ottobre 2012 è stato reso noto che il Ministro Fornero ha firmato un decreto interministeriale che riconosce ai datori di lavoro degli incentivi per i contratti stabilizzati entro il 31 marzo 2013, nonché per quelli stipulati con giovani di età fino a 29 anni ovvero con donne indipendentemente dall’età anagrafica. La misura ha carattere straordinario e potrà fare affidamento su risorse finanziarie di oltre 230 milioni di euro.

In particolare saranno destinati:

a) un importo pari a 12.000 euro in caso di trasformazione di un contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato, o per ogni stabilizzazione di rapporti di lavoro nella forma di collaborazioni coordinate e continuative anche nella modalità di progetto o delle associazioni in partecipazione con apporto di lavoro. Tali forme di stabilizzazione dovranno riferirsi a contratti di lavoro in essere ovvero cessati da non più di sei mesi e mediante la stipula di contratti a tempo indeterminato, anche a tempo parziale;

b)  incentivi per le assunzioni di giovani e donne a tempo determinato, il cui valore è pari a:

1) 3.000 euro per contratti di lavoro di durata non inferiore a 12 mesi;

2) 4.000 euro se la durata del contratto supera i 18 mesi;

3) 6.000 euro per i contratti aventi durata superiore a 24 mesi.

La gestione di tali incentivi è affidata all’INPS, che darà al più presto indicazioni sulle modalità di presentazione delle relative domande.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!