Il patto di stabilità si tocca

Il patto di stabilità si tocca

Redazione

Versione PDF del documento

Dal governo possibile occhio di riguardo per le amministrazioni con buone performance. L’impegno del ministro Cancellieri in Veneto. Ore decisive per la riforma delle province

 

di Giuseppe Manfredi (tratto da www.lagazzettadeglientilocali.it)

 

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Gli amministratori locali sono ottimisti. E vedono spiragli sull’allentamento del patto di stabilità. L’operazione rischierebbe di compromettere l’azione del governo in Europa, tuttavia il governo sta discutendo del tema: a dirlo, durante una visita in Veneto, il ministro dell’interno, Annamaria Cancellieri, sollecitata sul tema dal presidente della Regione, Luca Zaia. “Su questo ci siamo già impegnati e in particolare il ministro Corrado Passera. Non è una cosa facilissima”, ha affermato, sottolineando come “quando si vanno a toccare le scelte del ministero dell’Economia ci trova di fronte a un muro che non è un muro di incomprensione, è soltanto un muro di oggettive difficoltà. C’è una grande difficoltà economica, il momento è forse il peggiore che l’Italia ha dovuto affrontare”.  In risposta alla sollecitazione di Zaia sul tema, poi, il ministro ha aggiunto che “l’impegno che io posso prendere è di continuare ad insistere di farlo presenti per regioni come il Veneto hanno storia di buona amministrazione”. “Il patto di stabilità si tocca, il ministro non ha chiuso completamente all’ipotesi di un allentamento”, è la visione da bicchiere mezzo pieno del presidente Zaia. “Ci rendiamo anche conto – ha osservato – che non è colpa del ministro, anzi tutt’altro. Sono sicuro che il ministro è fino in fondo dalla nostra parte, la verità – ha concluso – è che noi dobbiamo trovare una soluzione per dare le risorse non alla tesoreria di Roma ma ai cittadini che avanzano i soldi”. Il bilancio della visita del ministro Cancellieri in Regione Veneto è stato giudicato da Zaia “più che positivo, anzi, ottimo”. “Bilancio più che positivo, anzi ottimo, anche perché c’è un impegno formale rispetto ai commissari per le grandi opere: Pedemontana Veneta e Terza corsia A4 Venezia-Trieste, significa 5 miliardi di euro di opere”, ha chiosato, commentando l’apertura del ministro sul dossier, che al momento è in discussione al Senato nell’ambito della riforma della Protezione civile. “I due commissari sono a costo zero per lo Stato ma procedura semplificata per seguire i cantieri”, ha concluso. In materia di p.a., la titolare del Viminale ha annunciato interventi in arrivo. Nei prossimi giorni il governo presenterà delle riforme su cui sta lavorando, che vanno da quella delle province a provvedimenti sulla pubblica amministrazione e la convinzione è che non deluderanno. “Ci stiamo lavorando e credo che nei prossimi giorni le vedrete, dalle province a dei provvedimenti sulla pubblica amministrazione”, ha spiegato la Cancellieri. “È tutto molto complesso, molto difficile, però credo che non vi deluderemo”, ha detto. La grande sfida che l’esecutivo ha oggi davanti, aveva spiegato poche ore prima in regione, è “la capacità con cui il governo saprà portare avanti, con rapidità e determinazione, quel processo di ammodernamento dello Stato e dei rapporti tra i vari centri decisionali, di cui non solo il Veneto ma tutto il Paese ha bisogno e che l’Europa ci chiede fortemente”. In questa direzione, ha aggiunto Cancellieri, “come ministro dell’Interno e come rappresentante dell’esecutivo mi sento di prendere un preciso impegno”, ovvero quello di “mettere in atto al più presto, attraverso le norme ma anche i comportamenti e le buone prassi, un processo di riforma della presenza dello Stato sul territorio e del modo di fare amministrazione che costituisca un fattore di facilitazione tra il mondo delle istituzioni e quello delle imprese e dei cittadini”. Pur nella consapevolezza che “non sarà un impegno facile”, il ministro dell’interno ha detto di credere che su due temi, “il rapporto tra società e politica” e “la creazione di un sistema di governance innovativo”, si giochi “il futuro del nostro Paese”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it