Il difensore può proporre istanza di ricusazione solo a condizione di essere munito di specifico mandato

Il difensore può proporre istanza di ricusazione solo a condizione di essere munito di specifico mandato

di Di Tullio D'Elisiis Antonio, Referente Area Diritto penale e Procedura penale

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - VI sez. pen. - sentenza n. 10653 del 26-03-2020

Versione PDF del documento

(Ricorso dichiarato inammissibile)

L’istanza di ricusazione

Il difensore dell’imputato depositava una istanza di ricusazione ex art. 37 c.p.p. nei confronti di taluni consiglieri della Suprema Corte di Cassazione.

In particolare, una volta richiamata la sentenza della Corte Costituzionale n. 2/1999 sulla incompatibilità del giudice chiamato a pronunciarsi in procedimenti diversi e illustrate le ragioni per le quali l’istanza dovesse ritenersi tempestiva (estraneità del difensore dell’imputato al precedente giudizio e conoscenza della precedente decisione solo in esordio di udienza; invito all’astensione, non accolto dai magistrati indicati; preannunciato deposito di istanza di ricusazione con concessione di un termine alla difesa per consultare l’assistito e rinvio ad una successiva udienza), l’istante chiedeva l’accoglimento dell’istanza.

Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione

L’istanza veniva stimata inammissibile per mancanza di legittimazione dell’istante in quanto il difensore di fiducia del ricorrente non era munito di procura speciale.

Si osservava a tal proposito che, secondo il consolidato orientamento della Cassazione, la ricusazione rientra tra gli atti cd personalissimi che possono essere compiuti solo dall’imputato personalmente o a mezzo di procuratore speciale ed essendo la ricusazione atto personale dell’interessato, ad avviso del Supremo Consesso, deve escludersi un’autonoma, parallela legittimazione del difensore che può proporre istanza di ricusazione solo a condizione di essere munito di specifico mandato, anche se non nelle forme della procura speciale, mentre è insufficiente il solo mandato difensivo (Sez. U., n. 18 de105/10/1994, dep. 1995; Sez. 4, del 11/04/2017; Sez. 5, n. 37468 del 03/07/2014).

Tal che, risultando l’istanza sottoscritta dal solo difensore, se ne faceva conseguire l’inammissibilità dell’istanza proposta con procedura de plano ex art. 610 c.p.p., comma 5 bis, che, rammenta la Cassazione, espressamente richiama l’art. 591, comma 1, lett. a), limitatamente al difetto di legittimazione.

Conclusioni

La decisione in questione è assai interessante in quanto si afferma, una volta fatto presente che la ricusazione rientra tra gli atti cd personalissimi che possono essere compiuti solo dall’imputato personalmente o a mezzo di procuratore speciale, che il difensore può si proporre istanza di ricusazione ma solo nella misura in cui costui sia munito di uno specifico mandato che, sebbene non debba necessariamente consistere in una procura speciale, tuttavia non può identificarsi nel solo mandato difensivo.

Alla luce di quanto statuito in siffatta pronuncia, ove si voglia proporre una istanza di questo tipo, l’avvocato è dunque tenuto a prestare la dovuta attenzione nel farsi rilasciare un apposito mandato defensionale da parte del proprio assistito per evitare che essa venga dichiarata inammissibile.

Il giudizio in ordine a quanto asserito in tale provvedimento, proprio perché fa chiarezza su questa tematica procedurale, dunque, non può che essere positivo.

Volume consigliato

Nuovo formulario annotato dell’esecuzione penale

Nuovo formulario annotato dell’esecuzione penale

Valerio de Gioia, Paolo Emilio De Simone, 2019, Maggioli Editore

Con il presente formulario, aggiornato ai decreti legislativi nn. 121 (“Disciplina dell’esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 81, 83 e 85, lettera p), della legge 23 giugno 2017, n....



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonio-di-tullio-d-elisiis

Di Tullio D'Elisiis Antonio

Avvocato iscritto al foro di Larino (CB) e autore di diverse pubblicazioni redatte per conto di differenti case editrici. In particolare sono stati scritti molteplici libri, nonché e-book, prevalentemente in materia di diritto e procedura penale per la Maggioli editore, oltre che redatte da un lato, tre monografie rispettivamente sulle vittime di reato, mediante un commento del decreto legislativo, 15/12/2015, n. 212, per Altalex editore e sulla giustizia penale minorile e sui mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova per Nuova Giuridica, dall'altro, quattro monografie per la Primiceri editore (dibattimento nel processo penale; le impugnazioni straordinarie in ambito penale, il ruolo della parte civile nel processo penale e l'esecuzione penale). Per Diritto.it è Referente dell'area di Diritto penale e Procedura penale.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!