Giustizia amministrativa: il decreto correttivo del codice del processo amministrativo “estende” l’opposizione di terzo e “circoscrive” il giudizio di ottemperanza

Giustizia amministrativa: il decreto correttivo del codice del processo amministrativo “estende” l’opposizione di terzo e “circoscrive” il giudizio di ottemperanza

admin

Versione PDF del documento

Tra gli interventi del decreto legislativo 195/2011, correttivo al codice del processo amministrativo, volti a portare a compimento la realizzazione di un quadro normativo omogeneo di riassetto della disciplina del processo amministrativo, è da sottolineare quello che estende il rimedio impugnatorio dell’opposizione del terzo, previsto dall’art. 108 c.p.a.

Il suddetto obiettivo viene realizzato attraverso la soppressione dell’inciso “titolare di una posizione autonoma e incompatibile”, che elimina ogni incertezza sulla legittimazione all’utilizzo di tale mezzo anche da parte del litisconsorte necessario pretermesso. Con tale disposizione, si omologa totalmente la legittimazione attiva all’impugnazione straordinaria in discorso rispetto a quella prevista per lo stesso rimedio nel codice di procedura civile.

Quanto, poi, al giudizio di ottemperanza, la disciplina implicata dal codice (prescrizione in ogni caso decennale ex art. 2953 c.c. dell’actio iudicati) si è rivelata eccessivamente estensiva, in quanto consentiva di esperire direttamente in ottemperanza anche la domanda risarcitoria c.d. autonoma (art. 112, comma 4, c.p.a.), la cui valutazione ha invece natura intrinsecamente cognitoria, sicché mal si concilia con le ristrettezze procedurali che caratterizzano, nella forma e nella sostanza, il giudizio di ottemperanza; per tale domanda si è ritenuto, dunque, di dover affermare l’esigenza di un ordinario giudizio di cognizione. Di conseguenza, è stato necessario specificare meglio e rimodulare le condizioni in presenza delle quali la domanda di risarcimento del danno possa essere proposta in sede di ottemperanza; ciò è possibile allorquando l’istanza risarcitoria scaturisca, in corso di causa, per la sopravvenuta impossibilità di eseguire altrimenti il giudicato di annullamento. Il correttivo, poi, precisa la disciplina dell’impugnazione degli atti formati nel giudizio di ottemperanza, distinguendo tra le parti del giudicato e i terzi: ai primi si dà la strada del reclamo al giudice dell’ottemperanza, ai secondi l’azione ordinaria d’impugnazione. (Biancamaria Consales)

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!