Giudice di Pace di Lecce 3.4.07: annullamento del verbale di contestazione elevato per divieto di sosta (a cura di a. matranga)

Giudice di Pace di Lecce 3.4.07: annullamento del verbale di contestazione elevato per divieto di sosta (a cura di a. matranga)

Matranga Alfredo

Versione PDF del documento

E’ illegittimo il verbale di contestazione elevato per divieto di sosta nonostante i segnali indicanti il divieto, sia orizzontali che verticali, siano oggettivamente non visibili dall’utente della strada.
Avv. Alfredo Matranga
 
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
IL GIUDICE DI PACE DI LECCE
Avv. Raffaele CARLUCCIO ha pronunciato la seguente
SENTENZA
nella causa civile iscritta al numero del ruolo generale indicato a margine, avente l’oggetto pure a margine indicato, promossa da:
+++ +++, difeso dall’Avvocato Laura DEL GIUDICE
Ricorrente
Contro
COMUNE DI LECCE
Resistente
FATTO E DIRITTO
Con ricorso depositato in cancelleria in data 02.11.06, il ricorrente proponeva opposizione avverso il verbale di accertamento elevato dalla polizia municipale di Lecce, perché lasciava in sosta il veicolo nello spazio riservato alla fermata dei mezzi pubblici.
A sostegno dell’opposizione, assumeva la mancata visibilità delle strisce delimitanti lo spazio di fermata dei minibus, nonché il fatto che il cartello del divieto di sosta era nascosto tra le fronde di un albero ornamentale. Disposta la comparizione delle parti, all’udienza si costituiva il Comune di Lecce, che contestava il contenuto del ricorso e depositava la documentazione richiestagli.
La causa veniva decisa con dispositivo letto in udienza.
Il ricorso è fondato e merita pertanto accoglimento.


Ed invero, dalle fotografie allegate risulta che il segnale di divieto di fermata era effettivamente nascosto nella chioma di un albero e che non erano visibili le strisce che delimitavano lo spazio adibito alla sosta dei minibus.
D’altra, parte il Comune non ha contestato quanto raffigurato nelle fotografie stesse.
Pertanto deve ritenersi che effettivamente il +++ non abbia visto né le strisce, né il divieto di fermata ed abbia parcheggiato in buona fede.
Non avendo quindi commesso alcuna infrazione, il verbale deve essere annullato.
Ricorrono giusti motivi per compensare interamente le spese di lite.
P.Q.M.
Il       Giudice di Pace di Lecce, definitivamente decidendo, accoglie l’opposizione e, per l’effetto, dichiara nullo ed improduttivo di effetti giuridici il processo verbale n. 134309/06 elevato dalla polizia municipale di Lecce a carico di +++ +++.
Spese compensate
Così deciso in Lecce il 03 .04.2007.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it