Fumare è una scelta libera, nessun risarcimento per il fumatore che contrae carcinoma

di Redazione
PDF

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - III sez. civ. - sentenza n. 11272 del 10-05-2018

Fumare è un atto di volizione libero, consapevole ed autonomo da parte del soggetto dotato di capacità d’agire, il quale decide comunque di fumare, nonostante la notoria nocività delle sigarette. Per cui, non può essere accordata la richiesta di risarcimento degli eredi di un soggetto deceduto, che aveva contratto una patologia legata all’eccessivo consumo di sigarette.

Il fatto

E’ questo, in sintesi, il principio affermato dalla Corte di Cassazione, terza sezione civile, con sentenza n. 11272 del 10 maggio 2018, con cui è stata respinta la richiesta avanzata dapprima da un soggetto (che aveva intrapreso l’azione) e poi dai suoi eredi succedutisi in giudizio, avverso la società produttrice di sigarette ed il Ministero della salute, onde sentirli condannare al risarcimento dei danni patrimoniali e non, subiti dal loro congiunto, per la gravissima malattia contratta a causa del fumo.

In particolare, gli attori lamentavano come il defunto parente avesse iniziato a fumare sin da giovane ben due pacchetti di sigarette al giorno e che tale abitudine avesse determinato la formazione del carcinoma al polmone, poi fatale. Sostenevano al riguardo, che solo con la diagnosi della malattia e con la comparsa dei primi sintomi, l’uomo aveva preso consapevolezza dei rischi del fumo ed aveva pertanto tentato di smettere, non riuscendo nel proprio intento, stante il forte bisogno di consumare sigarette.

Gli attori addebitavano pertanto l’assuefazione del congiunto al fumo, alle sostanze contenute nelle sigarette, imputando dunque la causa della malattia ai soggetti che le avevano prodotte e poste in commercio. Il fumatore, difatti, non aveva mai prestato un libero consenso ed, allorquando aveva acquistato sigarette, era stato viziato e carpito dai convenuti con dolo e raggiri. Gli eredi chiedevano, infine, che venisse accertato il nesso di causalità tra il carcinoma ed il fumo costante di sigarette, con conseguente risarcimento dei danni subiti.

Insussistenza del nesso di causa

Sia il Tribunale che la Corte d’Appello respingevano la domanda; quest’ultima, in particolare, adducendo all’insussistenza del nesso di causa fra le pretese condotte illegittime dei convenuti ed il danno, alla stregua del principio di diritto della “causa prossima di rilievo”.

Fumare, atto di libera volizione con la consapevolezza dei rischi

Ha evidenziato sul punto la Corte, che la dannosità del fumo costituisce da lunghissimo tempo un dato di comune esperienza; sicché, anche a voler configurare una responsabilità in capo al produttore ex artt. 2043 e 2050 c.c., si perverrebbe ad escludere il nesso di causalità – specie nel caso de quo, ove si tratta di abuso – in base al rilievo per cui la condotta del fumatore sarebbe un atto di libera volizione, consapevole ed autonomo, in piena cognizione, dunque, della nocività del fumo. Anche perché non può ritenersi che la nicotina – come sostenuto dai presunti danneggiati – sia in grado di annullare la capacità di autodeterminazione del soggetto, costringendolo a fumare senza possibilità di smettere.

Un’argomentazione, quest’ultima, pienamente confermata dalla Corte di Cassazione, la quale, respingendo il ricorso degli eredi, sottolinea nuovamente l’insussistenza del nesso di causalità tra la condotta del fumatore e la commercializzazione di sigarette da parte della ditta produttrice, in base al suindicato principio della “causa prossima di rilievo”. Ciò che esclude, secondo gli Ermellini, ogni ulteriore profilo di valutazione della colpa ex art. 2050 c.c. (e conseguente onere della prova liberatoria) che si sarebbe dovuto affrontare solo se il presupposto del nesso causale fosse stato asseverato.

Volume consigliato

Manuale del risarcimento per il danno alla persona

Manuale del risarcimento per il danno alla persona

Aggiornata con la cd. Legge sulla Concorrenza (L. 4 agosto 2017, n. 124) e la riforma della responsabilità medica (L. 8 marzo 2017, n. 24), la II edizione di questa Guida esplica la disciplina del danno alla persona e fornisce al Professionista gli strumenti conoscitivi e operativi per il riconoscimento, la valutazione e il risarcimento del danno patrimoniale, non patrimoniale, biologico, morale o esistenziale, alla luce della più recente giurisprudenza, di merito e di legittimità.

L’opera esamina non solo gli aspetti generali in materia di responsabilità civile, ma si sofferma anche sui temi di maggiore criticità per le fattispecie più diffuse e più complesse di responsabilità come quella medico-sanitaria, da circolazione stradale, nel rapporti di lavoro e per illeciti endo e esofamiliari.

Il volume raccoglie anche una rassegna delle più significative sentenze, incluse quelle dell'anno in corso, suddivise in base alle più importanti e attuali questioni giurisprudenziali, come ad esempio:
• Come si accerta la responsabilità “ex contractu” in relazione alle obbligazioni assunte con il contratto di patrocinio?
• L’avvocato che fa parte di uno studio legale associato conserva legittimazione attiva nei confronti del proprio cliente?
• Quale la responsabilità del medico ginecologo, cui fiduciariamente una gestante si sia rivolta per accertamenti sulle condizioni della gravidanza e del feto, che non abbia adempiuto correttamente la prestazione, per non avere prescritto l’amniocentesi ed all’esito della gravidanza il feto nasca con una sindrome che quell’accertamento avrebbe potuto svelare, se due mesi dopo quella prestazione la gestante abbia rifiutato di sottoporsi all’amniocentesi presso una struttura ospedaliera in occasione di ulteriori controlli?
• Quale il riparto dell’onere della prova in tema di responsabilità per i danni cagionati da animale?
• Quale la responsabilità dei genitori per il fatto illecito dei figli minori?
• Quale l’operatività del danno non patrimoniale cd. da perdita di una persona cara?
• Quale il rapporto tra invalidità temporanea e invalidità permanente?
• È possibile risarcire il danno parentale da morte sopraggiunta a distanza di quattro anni dal fatto illecito?
• Quale il rapporto tra licenziamento e recesso dal patto di prova?
• Sussiste una responsabilità del sanitario qualora questi, a fronte di una rara, alterazione, rinvii per più dettagliate informazioni la paziente non a uno specialista dell’alterazione stessa, ma a soggetto non maggiormente specializzato?

Novità di questa edizione, il software su Cd-rom allegato al Manuale per il calcolo del risarcimento del danno alla persona, capace elaborare in tempo reale le più articolate e complesse richieste risarcitorie; di facile e intuitivo utilizzo, l'applicativo contiene tutte le tabelle per la liquidazione del danno biologico di uso corrente e costante sul territorio nazionale e consente nell'ipotesi risarcitoria la visualizzazione del danno non patrimoniale da morte e il danno morale collegato alla gravità dell'invalidità.


Giuseppe Cassano, Già Docente di Istituzione di Diritto privato nell’Università LUISS di Roma, è Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche di Roma e Milano della European School of Economics. Studioso dei diritti della personalità, del diritto di famiglia e della responsabilità civile, dirige collane giuridiche per i principali editori giuridici. Ha al suo attivo oltre duecento pubblicazioni incentrate sulle figure emergenti del diritto, con particolare riferimento al nuovo impianto del danno non patrimoniale.

Requisiti minimi hardware e software
- Sistema operativo Windows® 98 o successivi
- Browser Internet
- Programma in grado di editare documenti in formato RTF (es. Microsoft Word)

 

Leggi descrizione
Giuseppe Cassano (a cura di), 2017, Maggioli Editore
72.00 € 68.40 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e