Esame avvocato 2017: ammessi all’orale, bene Firenze e Milano

Esame avvocato 2017: ammessi all’orale, bene Firenze e Milano

Redazione

Versione PDF del documento

Esame avvocato orali

Cresce in questi giorni l’attesa sui risultati delle prove scritte dell’Esame avvocato 2016/2017, dopo i primi dati comunicati da alcune Corti di Appello. A Firenze, Brescia, Palermo e Milano i risultati migliori con oltre il 50% dei candidati ammessi, mentre Campobasso e Trento sono le sedi che finora hanno i numeri percentualmente più bassi. Vediamo allora nel dettaglio cosa si sa ad oggi e quanti saranno gli ammessi all’orale dell’Esame avvocato.

 

Ti potrebbe interessare il seguente corso accreditato per Avvocati:
Il nuovo contenzioso in materia di appalti e contratti pubblici
Bologna, 11 luglio 2017
Roma, 21 luglio 2017

 

Ammessi all’orale, oltre il 60% a Firenze e Brescia

I risultati migliori, tra quelli resi disponibili fino a questo momento, si sono avuti a Firenze e a Brescia, le uniche due città dove si è superato il 60% di promozione. Nel capoluogo toscano sono stati ammessi all’orale ben 764 candidati sui 1.220 partecipanti (62,26%), mentre a Brescia addirittura 394 su un totale di 604 (65,23%). Bene comunque anche Milano, con 1.538 ammessi su 3.067 partecipanti (50,14%), e Palermo, dove a passare agli orali sono 671 aspiranti avvocati su 1.224 (54,82%).

 

Torino, Bari e Roma intorno al 40%

Torino ha fatto registrare numeri in calo rispetto all’anno precedente, ma comunque abbastanza positivi. Nel capoluogo piemontese su 941 partecipanti sono stati in 443 a superare con successo la prova scritta (47,08%). A Bari, si parla invece di 507 candidati su 1.159 (il 43,74%). Numeri leggermente inferiori, in percentuale, per Roma, la città in cui si è registrato il più alto numero di partecipanti dopo Milano: su 2.983 candidati, 1.990 potrà accedere alla seconda prova.

 

Esame avvocato 2017, male Campobasso e Trento

I numeri più bassi, tra quelli resi noti, li ha fatti registrare la sede di Campobasso. Solo 44 candidati su 161, il 27,32%, ha superato la prova e sarà ammesso all’orale. Percentuali più alte, ma comunque negative, provengono da Trento: 40 ammessi –ancora meno che a Campobasso– ma su 125 partecipanti: in percentuale, quindi, un po’ meglio ma comunque meno di uno su tre: 32%.

Ricordiamo, in ogni caso, che i nomi dei candidati ammessi alla prova orale dell’Esame di avvocato 2016/2017 sono indicati sul sito della Corte di Appello di appartenenza. Segui gli aggiornamenti in tempo reale con i nuovi risultati.

 

Come si svolgerà la prova orale?

Nell’attesa della lista completa degli ammessi da tutte le sedi degli esami, vediamo come si svolgerà la prova orale dell’Esame avvocato 2017.

Come specificato ancora dal bando di concorso, le prove orali consistono:

  • nella discussione, “dopo una succinta illustrazione delle prove scritte”, di brevi questioni relative a cinque materie preventivamente scelte dal candidato tra diritto costituzionale, diritto civile, diritto commerciale, diritto del lavoro, diritto penale, diritto amministrativo, diritto tributario, diritto processuale civile, diritto processuale penale, diritto internazionale privato, diritto ecclesiastico e diritto comunitario;
  • nella dimostrazione di conoscenza dell’ordinamento forense e dei diritti e doveri dell’avvocato.

 

Volume consigliato:

Compendio di Diritto amministrativo

Compendio di Diritto amministrativo

Biancamaria Consales - Lilla Laperuta, 2017, Maggioli Editore

Il presente volume si sofferma sugli aspetti principali  del diritto amministrativo, illustrandoli in maniera scorrevole  ma approfondita. In particolare, questa nuova edizione è aggiornata a provvedimenti di grande interesse. Primo fra tutti il de- creto correttivo al...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!