DL Sud approvato al Senato, ma è già un flop: ecco perché

DL Sud approvato al Senato, ma è già un flop: ecco perché

di Redazione

Versione PDF del documento

Approvato definitivamente il ddl n. 2692, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2016, n. 243, recante interventi urgenti per la coesione sociale e territoriale, con particolare riferimento a situazioni critiche in alcune aree del Mezzogiorno.

 

Decreto Sud: appena approvato, è già un flop

A quanto pare, però, ne è uscita una legge debole, incapace di apportare migliorie all’attuale situazione.

Alcuni senatori, infatti, hanno denunciato come le previsioni del decreto siano eccessivamente frammentarie, e quindi insufficienti alla risoluzione delle problematiche affrontate. Il Disegno in particolare “appare privo di una visione complessiva e di misure strutturali per il Mezzogiorno”. Inadeguate anche le risorse stanziate, che fanno affidamento sulla stipula di programmi e intese che richiederanno tempi lunghi.

Per ottenere il rilancio del Sud è necessario “un piano di politiche industriali e agricole, un programma di investimenti che coinvolga società come Eni, Ferrovie dello Stato, Telecom, una riorganizzazione che superi la frammentazione amministrativa e potenzi il servizio della giustizia, un ammodernamento delle infrastrutture e della logistica che consenta di intercettare il maggior flusso di merci provenienti dall’Asia”.

 

Le previsioni del DL Sud: l’ambiente

Vediamo comunque le previsioni inserite nel disegno ora divenuto legge, tra cui rientrano norme davvero eterogenee:

  • Norme per il completamento della procedura di cessione dei complessi aziendali del gruppo Ilva, nonché progetti di efficienza energetica e risanamento ambientale di grandi dimensioni. Autorizzato anche il trattamento economico in cassa di integrazione dei dipendenti del gruppo ILVA.
  •  Disposizioni per attuare le sentenze europee ed evitare l’aggravamento delle procedure di infrazione mediante interventi sui sistemi di collettamento, fognatura e depurazione delle acque reflue.
  • Istituzione della cabina di regia per definire gli indirizzi strategici per l’elaborazione del programma di risanamento del comprensorio Bagnoli-Coroglio. L’attuale commissario straordinario è autorizzato ad affidare alla Sogin Spa e alle società collegate interventi di messa in sicurezza e gestione dei rifiuti pericolosi e radioattivi siti nel deposito ex Cemerad.
  • Piano straordinario di indagine ambientale nel comune di Ugento da parte della regione Puglia.

Sono stati implementati, poi, alcuni settori tra i quali: forza media di ufficiali ausiliari di complemento dell’Arma dei carabinieri, anche se per il solo anno corrente; crisi nel comparto del trasporto marittimo; il completamento e l’implementazione della rete immateriale degli interporti; Stanziamento del Fondo per le non autosufficienze.

 

Salute

In tema Salute, davvero importante è stato lo stanziamento di 100 milioni di euro per la riqualificazione e l’ammodernamento tecnologico dei servizi di radioterapia oncologica di ultima generazione.

 

Politiche di coesione sociale e territoriale

Per quanto riguarda le politiche di coesione sociale e territoriale, sono state approvate numerose inziative, riguardanti appalti pubblici di lavori, forniture e servizi nell’ambito della Presidenza italiana del G7 nel 2017; il riequilibrio territoriale delle risorse destinate alla politica di coesione; la stipulazione di convenzioni con le società in house delle amministrazioni dello Stato, con l’obiettivo di sostenere la crescita economica e accelerare la realizzazione delle politiche di coesione; l’acquisto di nuovi beni strumentali.

 

Codice Antimafia

Altre disposizioni hanno riguardato la valorizzazione della città di Matera  come porta verso il Mediterraneo; la nuova previsione nel codice antimafia che consenta la destinazione agli enti territoriali delle aziende confiscate alla criminalità. Modificato anche l’ammortamento del 150 per cento sui beni tecnologici introdotto dalla Legge di Stabilità 2017.

 

Fonte: http://www.senato.it/3818?seduta_assemblea=891

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it