Divieto di spostamento tra Regioni: proroga fino al 25 febbraio

Divieto di spostamento tra Regioni: proroga fino al 25 febbraio

di Redazione

Versione PDF del documento

Il divieto di spostamento tra Regioni, anche tra quelle in zona gialla, dovrebbe essere confermato fino al 25 febbraio. Alla fine dovrebbe essere il governo uscente, guidato da Giuseppe Conte, a emanare un decreto che confermerà il divieto attualmente in vigore fino al 15 di febbraio, per prolungarlo fino al  25 febbraio.

Visita la nostra sezione dedicata all’Emergenza Coronavirus

Quando è possibile spostarsi fuori Regione

Il nuovo decreto, ancora a firma Conte, dovrebbe quindi confermare la possibilità di uscire dalla propria Regione solamente per ragioni di lavoro, salute e urgenza, da giustificare attraverso autocertificazione. Dovrebbe restare invariata la possibilità di spostarsi fuori Regione per raggiungere la seconda casa, anche se in zona arancione o rossa, ma solamente se si ha avuto titolo di poterlo fare prima del 14 gennaio: nella seconda casa può andare un solo nucleo familiare per volta. Intanto il 15 febbraio dovrebbero riaprire gli impianti sciistici nelle Regioni gialle, anche se resta il divieto di andare in albergo o nelle case in affitto per brevi periodi.

Volume consigliato

I CANONI DI LOCAZIONE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

I CANONI DI LOCAZIONE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Saverio Luppino, 2020, Maggioli Editore

L’opera misura l’impatto dell’evento pandemia e delle misure assunte dallo Stato sui contratti di locazione e si pone come una prima guida, utile ad affrontare le tematiche che coinvolgono e coinvolgeranno la materia locatizia, in ordine all’impatto conseguente al...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!