Corte dei conti – det. N. 79/2007 – sezione controllo enti – Autorità portuale di Augusta – relazione sul controllo di gestione ex legge 21 marzo 1958 n. 259.

Corte dei conti – det. N. 79/2007 – sezione controllo enti – Autorità portuale di Augusta – relazione sul controllo di gestione ex legge 21 marzo 1958 n. 259.

Versione PDF del documento

Con la determina n. 79/2007 la Corte dei Conti – Sezione Controllo Enti, ai sensi dell’art. 7 della L. 259/58, trasmette alle Presidenze delle due Camere del Parlamento la relazione contenente i risultati del controllo eseguito sulla gestione dell’Autorità portuale di Augusta per l’esercizio 2005, unitamente ai relativi conti consuntivi accompagnati dalle relazioni degli organi amministrativi e di revisione.
I giudici registrano come la persistente carenza di personale proprio, privo peraltro delle professionalità necessarie per l’assolvimento dei compiti istituzionali, imponga all’Autorità l’esigenza di far ricorso a risorse professionali esterne anche per lo svolgimento di attività di natura meramente amministrativa.
D’altro canto, tale carenza si riverbera anche nella gestione dei beni demaniali dati in concessione, in quanto non si è in grado di svolgere un’adeguata attività di controllo per verificare l’eventuale esistenza di occupazioni abusive o di utilizzazione di aree demaniali in modo difforme da quello indicato nella licenza di concessione o di autorizzazione.
Ancora, emerge dal controllo come la gestione dei servizi di interesse generale sia stata affidata ad imprese private mediante trattativa privata a causa della impossibilità, manifestata dall’Autorità al Ministero vigilante, di attivare procedure concorsuali per la scelta del concessionario e ciò in contrasto con l’articolo 6, comma 5, della legge n.84 del 1994 che dispone che anche l’esercizio dei servizi predetti debba essere affidato in concessione mediante gara pubblica.
Il collegio fa presente altresì che i lavori per la realizzazione delle opere di grande infrastrutturazione, finanziati con il contributo dello Stato concesso nell’anno 2005, non risultano ancora iniziati e che il traffico dei prodotti petroliferi e derivati – attività prevalente nel porto di Augusta – ha subito una modesta flessione rispetto ai livelli raggiunti nell’anno 2003. Il traffico dei passeggeri è invece risultato pressoché inesistente.
In merito alla gestione finanziaria, viene evidenziato l’andamento positivo dei risultati economici e finanziari: si registra infatti un consistente avanzo di amministrazione anche se rapportato alla modesta attività svolta dall’Ente nel corso dell’anno in riferimento.
 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!