Corte dei conti – det. N. 52/2007 – sezione del controllo enti – sezione speciale per l’assicurazione del credito all’esportazione, ora istituto per i servizi assicurativi del commercio estero (Sace) – relazione sul controllo di gestione ex legge 21 marz

Corte dei conti – det. N. 52/2007 – sezione del controllo enti – sezione speciale per l’assicurazione del credito all’esportazione, ora istituto per i servizi assicurativi del commercio estero (Sace) – relazione sul controllo di gestione ex legge 21 marz

Versione PDF del documento

Con la determinazione n. 52/2007, la Sezione del Controllo Enti della Corte dei Conti, dispone, a norma dell’art. 7 della legge 21 marzo 1958, n.259, la comunicazione alle Presidenze delle due Camere del Parlamento della relazione conclusiva del controllo eseguito sulla gestione finanziaria – esercizio 2005 – della Sezione speciale per l’assicurazione del credito all’esportazione, ora Istituto per i servizi assicurativi del commercio estero (SACE) quale ente assoggettato a tale tipo di controllo ai sensi dell’art. 12 della predetta legge.
     Dal controllo è emerso che i settori merceologici di maggiore rilievo di rischiosità sono stati il petrolio ed il gas (29,6%), l’aeronautica (18,3%) e l’acciaio (15,5%).
     Nel complesso, il bilancio d’esercizio 2005 si è chiuso con un utile netto di 701,3 milioni di euro, mentre il bilancio consolidato – redatto in conformità con i principi contabili internazionali – si è chiuso con un utile complessivo di gruppo pari a 757,4 milioni di euro.
     Il Collegio evidenzia come SACE s.p.a., divenendo capogruppo di una filiera di società assicurative, non solo ha attuato una significativa opera di penetrazione nel mercato dei paesi OCSE, ma ha consolidato la sua posizione nello scenario europeo, incrementando la propria rete distributiva nell’intento di garantire la massima assistenza alla sua clientela, in favore della quale vengono, peraltro, riservati pacchetti assicurativi di elevata flessibilità negoziale.
     A reiterazione di quanto già in precedenza osservato i giudici del controllo ritengono, poi, che il modello di bilancio di SACE s.p.a. debba essere tipizzato e standardizzato, vuoi per meglio rispecchiarne le sue peculiarità, vuoi per assicurare il continuum tra un esercizio e l’altro delle gestioni, vuoi, infine, per conformarlo alla missione istituzionale della società pubblica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it