I limiti alla produzione della corrispondenza riservata

Corrispondenza riservata tra avvocati, i chiarimenti del CNF

Redazione

Versione PDF del documento

I limiti alla produzione della corrispondenza riservata

Il Consiglio Nazionale Forense ha chiarito l’ambito di operatività dell’art. 28 del Codice deontologico forense, che sancisce il divieto di produzione, nell’ambito di un procedimento giudiziario, della corrispondenza riservata scambiata dall’avvocato con i colleghi. Nel caso specifico, il Professionista produceva in giudizio una lettera, dallo stesso sottoscritta e espressamente qualificata come riservata personale e non producibile, contenente gli accordi in corso con la propria controparte. Ricorreva dunque il COA, rilevando la violazione del dovere di lealtà e correttezza previsto dalla richiamata norma deontologica.

Il Professionista rilevava che il contenuto era noto alle parti e che riguardava un accordo intercorso prima dell’intervento dei rispettivi difensori e, dunque, non aveva natura transattiva. Inoltre, la dicitura della non producibilità era stata apposta arbitrariamente dall’avvocato che, in egual modo, avrebbe potuto revocarla.

Volume consigliato

Casi di responsabilità civile di avvocati, notai, commercialisti e consulenti del lavoro

Casi di responsabilità civile di avvocati, notai, commercialisti e consulenti del lavoro

Paolo Mariotti, Antonio Serpetti, Raffaella Caminiti, 2012, Maggioli Editore

L'opera, aggiornata alla GIURISPRUDENZA recente, tratta delle problematiche concrete che hanno generato la RESPONSABILITÀ CIVILE DEL PROFESSIONISTA. Per ogni categoria professionale, secondo i numeri di contenziosi accesi nelle singole professioni, gli autori passano in rassegna i CASI REALI e...



La sanzione dell’avvertimento

Il COA di appartenenza non ha condiviso le osservazioni dell’avvocato, irrogando la sanzione dell’avvertimento, che veniva poi confermata dal CNF in sede di ricorso dello stesso professionista. L’art. 28 del codice deontologico stabilisce che “non possono essere prodotte o riferite in giudizio le lettere qualificate riservate e comunque la corrispondenza contenente proposte transattive scambiate con i colleghi“. Quindi, si prescinde dal contenuto transattivo della comunicazione, essendo vietata la produzione della lettera riservata in sé. Peraltro, il nuovo art. 48 ha rafforzato tale previsione. Inoltre, deve considerarsi che, nel caso di specie, è stato lo stesso redattore a produrre la lettera in giudizio e non la controparte: ciò rende ancor meno plausibili le argomentazioni del professionista, specialmente in relazione all’asserita possibilità del mittente di revocare la non producibilità del documento.

Potrebbe interessarti anche Il dovere di correttezza dell’avvocato

Consulta anche la sezione dedicata alla pratica d’Avvocato!

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!