Coronavirus e blocco licenziamenti previsto per legge

Coronavirus e blocco licenziamenti previsto per legge

di Redazione

Versione PDF del documento

Per contenere la crescita dei licenziamenti determinati da motivi economici il Governo ha disposto la sospensione, originariamente per 60 giorni dal 17 marzo data di entrata in vigore del decreto Cura Italia per 5 mesi, delle procedure sindacali ai fini del licenziamento collettivo avviate prima dell’emanazione del Decreto-Legge, e precisamente a partire dal 23 febbraio 2020; ed il divieto, per altrettanto periodo, di licenziare i dipendenti per motivi economici e/o organizzativi, a prescindere dalla dimensione occupazione dell’azienda e dal numero dei dipendenti (cfr. art. 46 del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18).

Si legga anche:”Licenziamento e Coronavirus: la possibile sorte del posto di lavoro”

Una prima questione riguarda la disposizione di cui all’art. 46 relativa all’applicabilità o meno di tale disciplina al licenziamento individuale del dirigente. È noto che al licenziamento del dirigente non si applica il concetto di giustificato motivo oggettivo tipizzato dall’art. 3 della legge n. 604/66, bensì un criterio di “giustificatezza”, normato non dal legislatore ma dalla contrattazione collettiva. Il suo eventuale licenziamento potrebbe infatti riguardare aspetti strategici ed economici differenti da quelli rilevanti per licenziamento di un lavoratore dipendente.

Tanto premesso, l’art. 46 fa specifico riferimento all’art. 3 della legge n. 604/1966. Dunque, stando al tenore letterale della norma del Decreto “Cura Italia”, si dovrebbe ritenere inapplicabile tale disposizione ai dirigenti, che godono di tutele contrattuali e non di quelle previste della legge.

Tuttavia, la ratio del “blocco” dei licenziamenti si rinviene nel fatto che le ragioni economiche ed organizzative non sono dettate dalle ordinarie logiche di mercato, ma da un’emergenza sanitaria nazionale, con conseguente chiusura delle attività produttive non essenziali. Stante questa finalità normativa, dovuta ad una situazione straordinaria, che ha richiesto l’adozione di una misura altrettanto straordinaria, ci si potrebbe chiedere perché escludere i dirigenti.

Volume consigliato

Il licenziamento nel settore privato

Il licenziamento nel settore privato

Maria Giulia Cosentino, 2019, Maggioli Editore

Con un approccio per quesiti e problemi, si offre una panoramica della normativa in tema di licenziamenti nei rapporti di lavoro privato, le cui disposizioni si sono stratificate e sovrapposte nel tempo in relazione alla natura e alle dimensioni occupazionali del datore di lavoro, al...



 

In questo periodo di sospensione, è bene chiarire che il rapporto di lavoro non può già essere considerato come di fatto cessato o comunque sospeso, pertanto il lavoratore conserva il diritto alla retribuzione.

L’impresa può solo compiere la scelta di iniziare ad erogare l’indennità di preavviso stabilita dal contratto collettivo applicato in attesa che si concluda la procedura (sul punto v. circolare del Ministero del Lavoro n. 3 del 16 gennaio 2013).

Ma se questa indennità non dovesse bastare a coprire il periodo, il lavoratore deve continuare a percepire la retribuzione per tutto il periodo di sospensione.

Volume consigliato

Il licenziamento nel settore privato

Il licenziamento nel settore privato

Maria Giulia Cosentino, 2019, Maggioli Editore

Con un approccio per quesiti e problemi, si offre una panoramica della normativa in tema di licenziamenti nei rapporti di lavoro privato, le cui disposizioni si sono stratificate e sovrapposte nel tempo in relazione alla natura e alle dimensioni occupazionali del datore di lavoro, al...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!