Concorso Cancellieri: le date d’esame rinviate al 3 marzo

Concorso Cancellieri: le date d’esame rinviate al 3 marzo

di Redazione

Versione PDF del documento

Ultime notizie: le date ufficiali delle prove d’esame del Concorso Cancellieri saranno pubblicate il 3 marzo 2017.

Oggi, 14 febbraio 2017, si prevedeva la pubblicazione delle date d’esame dell’attesissimo Concorso per 800 cancellieri bandito il 22 novembre scorso. Pochi minuti fa è stato però pubblicato sul sito del Ministero della Giustizia un decreto che annuncia, dato l’eccezionale numero di domande pervenute, il rinvio dell’annuncio delle date d’esame ufficiali al 3 marzo 2017.

Il concorso, al quale era possibile iscriversi fino al 22 dicembre 2016, è aperto a tutti coloro che possiedono un diploma di istruzione secondaria di secondo grado e hanno almeno 18 anni.

 

Leggi il bando di concorso per l’assunzione di 800 Assistenti giudiziari.

 

Le prove d’esame: quali sono e quando si svolgeranno?

Si dovrà quindi aspettare il 3 marzo 2017 per vedere pubblicato in Gazzetta Ufficiale e sul sito del Ministero della Giustizia il provvedimento con la data delle prove di selezione.

La due prove scritte del Concorso Cancellieri 2017, ricordiamo, consisteranno in due esami da 60 domande a risposta multipla ciascuno, aventi ad oggetto rispettivamente gli elementi di diritto processuale civile e gli elementi di diritto processuale penale.

Alle suddette prova saranno assegnati i punteggi massimi di 30 punti. Supereranno l’esame scritto i candidati che riporteranno una votazione di almeno 22,5 punti su 30 per prova.

 

Il colloquio e l’esame in lingua

Il colloquio verterà sulle stesse materie delle prove scritte, nonché sugli elementi di ordinamento giudiziario, di servizi di cancelleria e sulle nozioni di rapporto di pubblico impiego alle dipendenze della pubblica amministrazione. La prova orale comprenderà, inoltre, l’accertamento della conoscenza di una lingua straniera: il candidato potrà scegliere tra francese, inglese, spagnolo e tedesco.

In sede di prova orale sarà infine accertata la conoscenza dell’uso di apparecchiature e applicazioni informatiche. Supereranno il colloquio i candidati che conseguiranno una votazione di almeno 21 punti su 30.

 

La prova preselettiva

Per accedere alle vere prove d’esame del Concorso Assistenti Giudiziari è necessario superare la prova preselettiva: l’esame sarà scritto con domande a risposta multipla.

Per superare questa prova è necessario possedere conoscenze di cultura generale con particolare attenzione all’ambito giuridico e alla pubblica amministrazione.

La data delle prove di selezione, ricordiamo ancora, sarà pubblicata il 3 marzo 2017. Vi aggiorneremo nel dettaglio appena il provvedimento sarà disponibile.

 

Chi può partecipare alla prova preselettiva?

Possono partecipare alla prova d’esame preselettiva chi ha inoltrato la domanda d’iscrizione al Concorso entro i termini indicati nel bando.

È possibile, per tutto il mese di febbraio, scaricare la ricevuta e la domanda trasmessa per partecipazione al concorso. Per accedere alle rispettive prove d’esame è comunque necessario presentare il giorno della prova la ricevuta di partecipazione al Concorso insieme al documento d’identità.

 

Quali sono i requisiti per partecipare al concorso?

I futuri cancellieri dovranno possedere un diploma di istruzione secondaria di secondo grado quinquennale, dovranno avere almeno 18 anni, avere la cittadinanza italiana e godere dei diritti civili e politici. Non potranno partecipare al concorso coloro che sono stati licenziati a seguito di procedimento disciplinare, chi è stato allontanato da un impiego pubblico per avere prodotto documenti falsi e chi è interdetto dai pubblici uffici.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!