Cassazione: il risarcimento da danno stradale si prescrive dopo cinque anni

Cassazione: il risarcimento da danno stradale si prescrive dopo cinque anni

Lattarulo Carmine

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - Terza sezione civile - sentenza n. 16037 del 2-8-2016

Versione PDF del documento

Il diritto al risarcimento del danno da sinistro stradale si prescrive dopo cinque anni anche in difetto di querela: Cassazione Civile sezione III 2 agosto 2016 n. 16037. Tuttavia il giudice civile deve accertare, incidenter tantum, l’esistenza di una  fattispecie che integri gli estremi di un fatto-reato in tutti i suoi elementi costitutivi, sia soggettivi che oggettivi.

Il caso.

Un trasportato conveniva in giudizio il proprietario/conducente  ed  assicuratrice dell’autovettura a bordo della quale era trasportato, chiedendone la  condanna al risarcimento dei danni riportati a  seguito della fuoriuscita di strada e del ribaltamento del veicolo.  Tribunale e Corte di appello respingevano la domanda ritenendola prescritta per decorso del termine biennale. Il trasportato ricorreva in Cassazione. 

La decisione.

Dopo la pronuncia delle Sezioni Unite n. 27337 del 2008, è ormai  ius receptum che qualora l’illecito civile sia considerato dalla  legge come reato, ma il giudizio penale non sia stato promosso,  ancorché per difetto di querela, all’azione civile di risarcimento si applica, ai sensi dell’art. 2947, III  comma, c.c., l’eventuale più lunga  prescrizione prevista per il reato, decorrente dalla data del fatto,  purché il giudice civile accerti, incidenter tantum, con gli strumenti  probatori ed i criteri propri del relativo processo, l’esistenza di una  fattispecie che integri gli estremi di un fatto-reato in tutti i suoi elementi costitutivi, sia soggettivi che oggettivi.  Positivamente accertata l’esistenza del reato di lesioni colpose, deve trovare applicazione il termine di prescrizione quinquennale (art. 157 c.p.) ex art. 2947, terzo  comma, c.c. 

Per completezza, dopo la pronuncia delle Sezioni Unite (27337/2008) ricordata dalla III Sezione nella sentenza in commento, vi sono stati ulteriori conferme del termine di prescrizione quinquennale, emesse con pronune della III Sezione dell’ 1 aprile 2014 n. 7526 e del 25 novembre 2014 n. 24988.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it