Camera approva Reato di depistaggio: ora carcere fino a 12 anni

Camera approva Reato di depistaggio: ora carcere fino a 12 anni

di Redazione

Versione PDF del documento

Le novità: Il carcere per chi depista, stretta sulla frode in processo civile, le aggravanti e gli sconti di pena

Con 325 voti a favore, uno contrario e 14 astenuti, la Camera ha dato il via libera definitivo alla legge sul reato di depistaggio, che entra così nel codice penale.

Secondo il testo di legge, è punibile qualsiasi pubblico ufficiale che manometta delle prove per ostacolare le indagini. Nei casi di processi di strage, mafia e associazioni sovversive, il provvedimento prevede tra l’altro un’aggravante.  Quali sono concretamente le novità?

Il carcere per chi depista e stretta sulla frode in processo civile

Con il nuovo delitto di frode in processo penale e depistaggio, rischia dai 3 agli 8 anni di carcere quel pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio che modifichi il corpo del reato o la scena del crimine, oppure menta o sia reticente allo scopo di ostacolare o impedire indagini o processi. Nel caso in cui invece distruggesse, occultasse o alterasse delle prove, oppure creasse false piste, la pena sarebbe prolungata da un terzo alla metà. Un inasprimento della pena con una reclusione dai 6 ai 12 anni, scatterebbe anche qualora il reato coinvolgesse processi per stragi e terrorismo, mafia e associazioni segrete, traffico di armi e materiale nucleare, chimico o biologico, o altri gravi delitti come la tratta di persone e il sequestro a scopo estorsivo. Con una condanna superiore ai 3 anni, scatta anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

La pena è anche aumentata anche per il reato di frode processuale nell’ambito di un procedimento civile o amministrativo perché è ora prevista la reclusione da uno a 5 anni per chiunque modifichi lo stato dei luoghi, delle cose o delle persone al fine di ingannare il giudice o il perito. Diversamente dal depistaggio, che è reato proprio e può essere commesso solo da un pubblico ufficiale oppure un incaricato di pubblico servizio, la frode nel processo civile è reato comune.

Aggravanti e sconti di pena

Al di là del depistaggio, c’è comunque un aumento della pena dalla metà a due terzi per chi commetta falsa testimonianza, frode processuale e favoreggiamento personale al fine d’ostacolare o sviare indagini e processi per stragi, terrorismo, mafia e altri gravi delitti. Altre aggravanti sono infine previste per i principali delitti contro l’amministrazione della giustizia (compreso il depistaggio) se ne deriva una condanna a danno di un terzo.

Una riduzione di pena è invece prevista da metà a due terzi per coloro che si adoperano per ricostituire lo stato della scena del reato e delle prove o per evitare altre conseguenze, così come per aiutare i magistrati a individuare i colpevoli del depistaggio.

Non è punibile il colpevole nel caso in cui ritrattasse il falso prima della fine del dibattimento, mentre per il depistaggio aggravato, c’è il raddoppio dei termini di prescrizione.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!