Procedure comparative, comunicazione rinnovo della valutazione

Avvio del procedimento e rivalutazione nelle procedure comparative universitarie

di Biamonte Alessandro, Referente Area Diritto Amministrativo

Qui la sentenza: Consiglio di Stato - VI sez. - sentenza n. 4122 del 4-07-2018

Versione PDF del documento

Costituisce fondamento per la sussistenza di interesse non solo morale (peraltro di per sé pacificamente sufficiente a sostenere l’interesse alla decisione) l’impugnativa degli atti di nomina di un soggetto diverso dal ricorrente, all’esito del quale infatti emergere l’interesse al rifacimento della procedura.

La previa comunicazione di avvio del procedimento imposta dall’art. 7 l. n. 241 del 1990 rappresenta un principio di carattere generale dell’azione amministrativa (Consiglio di Stato sez. VI 20 settembre 2012 n. 4997), diretto a garantire l’instaurazione di un contraddittorio procedimentale tra le parti interessate in relazione a tutti gli aspetti che assumeranno rilievo ai fini della decisione finale, per la salvaguardia del buon andamento e della trasparenza dell’Amministrazione, anche in un’ottica deflattiva del contenzioso.

In un tale contesto appare evidente che il rinnovo della valutazione, conseguente alla rinuncia del candidato vincitore, non può che essere portata a debita conoscenza di tutti i soggetti interessati e soggetti alla rivalutazione stessa. Pertanto il rispetto di un principio dettato a garanzia della partecipazione del privato convolto dal procedimento amministrativo non può intendersi superato dalla sostanziale conferma di una valutazione, in quanto la riapertura dell’iter e la rivalutazione dei titoli prodotti impone, specie laddove frutto del potere ampiamente discrezionale quale è quello di autotutela – a maggior ragione laddove utilizzato in merito all’esercizio di un’attività di valutazione comparativa parimenti connotata da un elevato tasso di discrezionalità anche tecnica – il coinvolgimento di tutti i soggetti sia potenzialmente che concretamente coinvolti.

Volume consigliato

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

alessandro-biamonte

Biamonte Alessandro

Avvocato cassazionista, ha maturato una esperienza ventennale nel campo del diritto amministrativo, dell'area giuspubblicistica e della tutela dei diritti fondamentali. Consulente di Pubbliche amministrazioni, imprese e privati in materia, docente di diritto processuale amministrativo presso l'Università degli Studi Europea di Roma – Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali, attualmente insegna presso l'Università degli Studi Marconi di Roma e la Marconi International University approfondendo, nell'ambito del modulo di docenza del Corso di Alta Formazione in Management della sicurezza informatica, le tematiche normative legate alla cybersicurezza come obiettivo strategico nel contesto delle politiche di intelligence. Attualmente è altresì docente presso l'Università degli Studi Marconi di Roma nel corso di alta formazione universitaria in Data Protection Officer. Si occupa prevalentemente di diritto Amministrativo, diritto degli enti locali, contratti e appalti pubblici, telecomunicazioni, urbanistica, espropriazioni per p.u., diritto delle nuove tecnologie. Ha dato vita, con docenti universitari e professionisti altamente specializzati del settore, a un innovation hub virtuale, che funga, anche per mezzo di un competence center, da motore propulsore e consulenziale nel sostegno alle realtà imprenditoriali nell'attuazione del piano "Impresa 4.0". Per Diritto.it è Referente dell'area di diritto amministrativo.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!