Nei concorsi che prevedono la correzione informatizzata delle prove mere irregolarità procedurali o organizzative non rappresentano sempre una violazione sostanziale delle regole poste a presidio dell’anonimato e della trasparenza

13 aprile 2021