Associazione in partecipazione, non più di tre associati per la stessa attività

Associazione in partecipazione, non più di tre associati per la stessa attività

Redazione

Versione PDF del documento

Lilla Laperuta

Prevista dal codice civile agli artt. 2549-2554, l’associazione in partecipazione è il contratto con cui si attribuisce all’associato la partecipazione agli utili dell’impresa o di singoli affari, come corrispettivo di un apporto che può essere anche lavorativo, e nel quale tuttavia, mancano gli elementi della subordinazione perché l’associato non è obbligato a prestare la sua attività sotto la direzione dell’associante e può anche controllare l’andamento degli affari e partecipare ai risultati. Il D.Lgs. 276/2003 ha stabilito che in mancanza di un’effettiva partecipazione ed inadeguate erogazioni l’associato ha diritto ai trattamenti contributivi, economici e normativi stabiliti per il lavoro subordinato. Aggiungendo all’articolo 2549 del codice civile un nuovo comma la L. 92/2012 (art. 1, co. 28-31) prevede che:

a) qualora l’apporto dell’associato consista anche in una prestazione di lavoro, il numero degli associati impegnati in una medesima attività non può essere superiore a tre, indipendentemente dal numero degli associanti, con l’unica eccezione nel caso in cui gli associati siano legati all’associante da rapporto coniugale, di parentela entro il terzo grado o di affinità entro il secondo;

b) in caso di violazione del divieto di cui sopra, il rapporto con tutti gli associati il cui apporto consiste anche in una prestazione di lavoro si considera di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it