Associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti

Scarica PDF Stampa
Cosa integra la condotta di partecipazione ad un’associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti

    Indice

  1. La questione
  2. La soluzione adottata dalla Cassazione
  3. Conclusioni

1. La questione

Il Tribunale del riesame di Reggio Calabria respingeva una istanza ex art. 309 cod. proc. pen. presentata nell’interesse di un indagato avverso una ordinanza emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale della medesima città che, a sua volta, gli aveva applicato la misura della custodia, essendogli contestato di avere fatto parte, quale promotore ed organizzatore, di un sodalizio operante nella provincia di Reggio Calabria dedito al traffico di stupefacenti, nel quale svolgeva il ruolo di stabile fornitore della sostanza stupefacente destinata alla vendita da parte di altri sodali nonché di spacciatore della stessa sostanza.

Avverso il provvedimento appena menzionato proponeva ricorso per Cassazione il difensore dell’indagato che, tra i motivi addotti, deduceva violazione di legge e vizio di motivazione (difetto e illogicità con travisamento), in relazione agli artt. 125, 273, 291 e 292 cod. proc. pen. e alla ritenuta gravità indiziaria per il reato associativo, contestandosi all’uopo l’adeguatezza e la tenuta logica della motivazione che aveva portato il Tribunale a ravvisare la gravità indiziaria con riferimento sia alla sussistenza della ipotizzata associazione criminale, non indicando i criteri per distinguere il mero concorso nei reati – costituenti secondo il Tribunale la prova del sodalizio – dal reato ex art. 74 d.P.R. n. 309 del 1990, sia la partecipazione ad essa del ricorrente. 


Potrebbero interessarti anche


2. La soluzione adottata dalla Cassazione

La Suprema Corte riteneva il motivo summenzionato fondato.

Si evidenziava infatti – una volta postulato che integra la condotta di partecipazione ad un’associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti la costante disponibilità a fornire le sostanze oggetto del traffico del sodalizio, tale da determinare un durevole rapporto tra fornitore e spacciatori che immettono la droga nel consumo al minuto, sempre che si accerti la coscienza e volontà di far parte dell’associazione, di contribuire al suo mantenimento e di favorire la realizzazione del fine comune di trarre profitto dal commercio di droga (tra tante, Sez. 4, n. 19272 del 12/06/2020) posto che il dolo del delitto di associazione a delinquere è dato dalla coscienza e volontà di partecipare attivamente alla realizzazione dell’accordo e quindi del programma delittuoso in modo stabile e permanente – che il Tribunale reggino si era limitato a dimostrare come il ricorrente fosse il punto costante di riferimento di talune persone per l’approvvigionamento dello stupefacente, destinato allo smercio di dettaglio, mentre, per contro, non era emerso, sempre ad avviso del Supremo Consesso, alcun elemento rivelativo della consapevolezza da parte del ricorrente della destinazione dello stupefacente ad una precisa organizzazione criminale.

Il provvedimento impugnato era quindi annullato con rinvio per nuovo esame.

3. Conclusioni

La decisione in esame desta un certo interesse essendo ivi chiarito cosa integra la condotta di partecipazione ad un’associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Si asserisce difatti in tale pronuncia, sulla scorta di un pregresso orientamento nomofilattico, che la condotta di partecipazione ad un’associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti la costante disponibilità a fornire le sostanze oggetto del traffico del sodalizio, tale da determinare un durevole rapporto tra fornitore e spacciatori che immettono la droga nel consumo al minuto, sempre che si accerti la coscienza e volontà di far parte dell’associazione, di contribuire al suo mantenimento e di favorire la realizzazione del fine comune di trarre profitto dal commercio di droga posto che il dolo del delitto di associazione a delinquere è dato dalla coscienza e volontà di partecipare attivamente alla realizzazione dell’accordo e quindi del programma delittuoso in modo stabile e permanente.

Tale provvedimento, quindi, deve essere preso nella dovuta considerazione ogni volta si debba appurare se una condotta integri una partecipazione penalmente rilevante a norma dell’art. 74 del d.P.R. n. 309/1990.

Il giudizio in ordine a quanto statuito in codesta sentenza, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su siffatta tematica giuridica sotto il profilo giurisprudenziale, dunque, non può che essere positivo.

 Volume consigliato 

La disciplina dei reati in materia di stupefacenti

Forte della consolidata esperienza degli Autori, l’opera si pone quale strumento utile al Professionista per affrontare la trattazione dei reati in materia di stupefacenti, nell’ambito dell’aula giudiziaria.Aggiornato alla recente giurisprudenza, il volume costituisce una vera e propria guida, privilegiando l’analisi degli aspetti operativi e processuali e fornendo una rassegna giurisprudenziale al termine di ogni singolo capitolo.L’opera si completa di un dettagliato indice analitico che permette un’agevole consultazione, realizzando il diretto richiamo a tutte le singole questioni trattate.Il volume include una rassegna giurisprudenziale al termine di ciascun capitolo.Santi BolognaMagistrato ordinario con funzioni di giudice distrettuale per le indagini preliminari presso il Tribunale di Caltanissetta, già Giudice del dibattimento presso la Prima sezione penale del Tribunale di Caltanissetta. Docente, ad incarico, nella materia del Diritto penale presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali costituita dall’Università degli studi di Enna Kore, negli anni accademici 2017-2021. Ha curato la redazione dei Capp. I, III, V.Alessandro BoscoMagistrato ordinario in tirocinio presso il Tribunale di Roma, già abilitato all’esercizio della professione forense. Dottore di ricerca in Diritto pubblico presso l’Università degli studi di Roma «Tor Vergata», Cultore della materia presso l’Università LUISS «Guido Carli» di Roma e l’Università degli studi di Roma «Tor Vergata». Ha curato la redazione dei Capp. XI, XII, XIII.Alfredo SpitaleriMagistrato dal 2017, è Giudice del Tribunale di Siracusa dove ha svolto fino al 2020 le funzioni di Giudice del dibattimento penale. Si è occupato di numerosi e rilevanti procedimenti in materia di Criminalità organizzata, stupefacenti e reati contro la persona. Attualmente svolge le funzioni di Giudice civile presso lo stesso Tribunale. Ha curato la redazione dei Capp. II, IV, VI, VII, VIII, IX, X.

Santi Bologna, Alessandro Bosco, Alfredo Spitaleri | 2021 Maggioli Editore

42.00 €  39.90 €

Sentenza collegata

125684-1.pdf 132kB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento