Apposizione illecita di un termine ad un contratto di lavoro, chiarimenti sull’indennità

Apposizione illecita di un termine ad un contratto di lavoro, chiarimenti sull’indennità

Redazione

Versione PDF del documento

Lilla Laperuta

 

Un interessante principio è stato affermato in materia di indennità con riguardo ai contratti a termine: l’accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, che figura in allegato alla direttiva 97/81/CE del Consiglio dell’Unione europea, del 15 dicembre 1997, non impone di trattare in maniera identica l’indennità corrisposta in caso di illecita apposizione di un termine ad un contratto di lavoro e quella versata in caso di illecita interruzione di un contratto di lavoro a tempo.

In tali termini si è espressa  la Corte Ue, con la sentenza 12 dicembre 2013, Causa C- 361/2013, precisando  che la prima indennità è corrisposta in una situazione che è considerevolmente diversa da quella che dà luogo al versamento dell’altra, dal momento che la prima, riguarda lavoratori il cui contratto è stato stipulato in modo irregolare, mentre la seconda riguarda lavoratori licenziati.
Ancora, la  Corte europea aggiunge che il menzionato accordo quadro non osta a che gli Stati membri introducano un trattamento più favorevole rispetto a quello previsto dall’accordo stesso per i lavoratori a tempo determinato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it