Accesso del terzo al fascicolo processuale e documenti amministrativi

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

Qui la sentenza: Consiglio di Giustizia Amministrativa - 25 marzo 2022 n. 24

L’accesso del terzo a un fascicolo processuale, relativo a una causa giudiziaria amministrativa, non è equiparabile all’accesso a documenti amministrativi, non essendo il processo, per definizione, un procedimento amministrativo, bensì “res inter alios”, rispetto al quale l’accesso a terzi è consentito solamente in presenza di presupposti rigorosi. ​Lo ha chiarito il Consiglio di Giustizia Amministrativa (25 marzo 2022, n. 24).

L’asserito intervento ad adiuvandum

Un uomo, per il tramite del proprio difensore, presentava istanza di accesso al fascicolo telematico di un ricorso amministrativo, giustificata dall’intenzione di proporre intervento ad adiuvandum. Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, nel respingere il ricorso, ha ribadito che:

  • l’accesso del terzo a un fascicolo processuale non è equiparabile all’accesso a documenti amministrativi, non essendo il processo, per definizione, un procedimento amministrativo, ma res inter alios, in cui l’accesso a terzi è consentito solo in presenza di presupposti rigorosi;
  • il terzo che chieda l’accesso al fascicolo telematico inter alios giustificando la richiesta con l’intento di proporre un intervento ad adiuvandum ha l’onere di chiarire quali siano la propria legittimazione e interesse a espletare siffatto intervento e a differenziare la propria posizione da quella del quisque de populo rispetto al quale un dato processo è res inter alios, sicché è stata respinta la richiesta di accesso motivata genericamente dall’intento di proporre intervento ad adiuvandum senza alcuna specificazione sulla posizione legittimante e l’interesse (CGARS, 7.4.2021 nn. 60 e 61).

L’interesse alla soluzione di una questione di diritto

Nel caso specifico, è apparso che il terzo aspirante ad intervenire non aveva alcun collegamento immediato e diretto con la causa e con il provvedimento amministrativo nella medesima impugnato, tuttavia al più vantava un possibile interesse sulla soluzione della questione di diritto (nella specie, dubbi di costituzionalità sull’obbligo vaccinale per Covid-19), soluzione da invocarsi, evidentemente, in altro contenzioso attuale o potenziale. Tale interesse, secondo i giudici, risulta comune a una molteplicità indifferenziata di consociati, ragion per cui non giustifica l’intervento del terzo, come plurime volte statuito dall’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato.

L’onere del terzo

Per l’effetto, il terzo che richieda l’accesso al fascicolo telematico inter alios giustificando la richiesta con l’intento di proporre un intervento ad adiuvandum ha l’onere di:

  • chiarire quali siano la propria legittimazione e interesse a espletare siffatto intervento,
  • differenziare la propria posizione da quella del quisque de populorispetto al quale un dato processo è res inter alios.

Pertanto, la richiesta di accesso motivata, in modo generico, dall’intento di proporre intervento ad adiuvandum, e senza alcuna specificazione sulla posizione legittimante né l’interesse, deve essere respinta.

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e