Va sospeso, ai fini di un riesame, il diniego di ammissione alle prove orali degli esami di avvocato se è dubbio si sia in presenza di copiatura da un testo non consentito

Va sospeso, ai fini di un riesame, il diniego di ammissione alle prove orali degli esami di avvocato se è dubbio si sia in presenza di copiatura da un testo non consentito

Matranga Alfredo

Versione PDF del documento

E’ questo il principio enunciato con l’ordinanza in rassegna dalla IV Sezione del CdS in materia di esami per l’abilitazione forense.

In particolare, per il Collegio, non può essere annullata la prova “se non vi è corrispondenza – né sul piano testuale né su quello dello sviluppo della traccia – fra la prova di esame e i testi vietati indicati dalla Commissione d’esame, di modo che non è inverosimile che si tratti di mera parafrasi di massime giurisprudenziali tratte da commenti dei quali era consentita la consultazione (idonea a essere valutata negativamente sul versante dell’originalità dell’apporto del candidato, ma non a dar luogo a esclusione dalla prova)”.

 

N. 00959/2011 REG.PROV.CAU.

N. 00596/2011 REG.RIC.           

REPUBBLICA ITALIANA

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Quarta)

ha pronunciato la presente

ORDINANZA

sul ricorso in appello nr. 596 del 2011, proposto dalla dottoressa ……….., rappresentata e difesa dall’avv. Paola Monaldi, con domicilio eletto presso l’avv. Vincenzo Perticaro in Roma, viale delle Milizie, 38,

 

contro

il MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro pro tempore, rappresentato e difeso ope legis dall’Avvocatura Generale dello Stato, domiciliato per legge in Roma, via dei Portoghesi, 12,

per la riforma

dell’ordinanza cautelare del T.A.R. CALABRIA – CATANZARO : SEZIONE II nr. 773/2010, resa tra le parti, concernente MANCATA AMMISSIONE ALLE PROVE ORALI ABILITAZIONE PROF. AVVOCATO SESSIONE 2009.

 

Visto l’art. 62 cod. proc. amm;

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visti tutti gli atti della causa;

Visto l’atto di costituzione in giudizio del Ministero della Giustizia;

Vista la impugnata ordinanza cautelare del Tribunale amministrativo regionale di reiezione della domanda cautelare presentata dalla parte ricorrente in primo grado;

Viste le memorie difensive;

Relatore, alla camera di consiglio del giorno 1 marzo 2011, il Consigliere Raffaele Greco;

Udita l’avv. Monadi per la appellante;

 

Ritenuto che nella specie è quanto meno dubbio che si sia in presenza di copiatura da un testo non consentito, non essendovi corrispondenza – né sul piano testuale né su quello dello sviluppo della traccia – fra la prova di esame e i testi vietati indicati dalla Commissione d’esame, di modo che non è inverosimile che, come assume parte appellante, si tratti di mera parafrasi di massime giurisprudenziali tratte da commenti dei quali era consentita la consultazione (idonea a essere valutata negativamente sul versante dell’originalità dell’apporto del candidato, ma non a dar luogo a esclusione dalla prova);

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta), accoglie l’appello (Ricorso numero: 596/2011) e, per l’effetto, in riforma dell’ordinanza impugnata, accoglie l’istanza cautelare in primo grado, ai fini di un riesame degli atti da parte della Commissione esaminatrice in diversa composizione.

Ordina che a cura della segreteria la presente ordinanza sia trasmessa al Tar per la sollecita fissazione dell’udienza di merito ai sensi dell’art. 55, comma 10, cod. proc. amm.

Tenuto conto della peculiarità della vicenda esaminata, compensa tra le parti le spese del doppio grado del giudizio cautelare.

La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria della Sezione che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 1 marzo 2011 con l’intervento dei magistrati:

Anna Leoni, Presidente FF

Sandro Aureli, Consigliere

Raffaele Greco, Consigliere, Estensore

Andrea Migliozzi, Consigliere

Silvia La Guardia, Consigliere

L’ESTENSORE

 

IL PRESIDENTE

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 01/03/2011

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it