Unioni civili: pronta la bozza di decreto

di Redazione

La bozza del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri per la regolamentazione transitoria delle unioni civili è stata trasmessa al Consiglio di Stato. Come si può leggere dal sito internet del Governo, venerdì 8 luglio il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti ha infatti inviato il testo al Consiglio per il parere definitivo.

 

Leggi qui tutte le novità introdotte dalla Legge Cirinnà.

 

I sindaci sono obbligati a celebrare le unioni civili

Il punto più controverso del decreto ponte riguarda senza dubbio l’esplicito divieto fatto ai sindaci critici del provvedimento di esercitare l’obiezione di coscienza. Tale divieto, che negli ultimi mesi ha scatenato l’ira di alcune fasce politiche (in particolare della Lega Nord) e che ha portato persino alla proposizione di un emendamento, poi bocciato, è stato comunque ritenuto fondamentale e confermato nella bozza di decreto trasmessa al Consiglio di Stato venerdì. La trascrizione dell’unioni civile nei registri dello stato civile quindi, qualora proposta da una coppia, non potrà essere rifiutata per la semplice opposizione del sindaco del Comune.

 

Cosa prevede nel dettaglio la bozza di decreto

La bozza di DPCM disciplina la pratica del riconoscimento ufficiale dell’unione civile. Lo schema di decreto prevede che la costituzione di un’unione civile passi attraverso alcune semplici tappe fondamentali. Innanzitutto, la coppia che vuole formare un’unione, che deve essere formata da due cittadini maggiorenni, deve richiedere formalmente la costituzione della stessa: i due interessati devono quindi dichiarare nome, cognome, data e luogo di nascita, la cittadinanza e il luogo di residenza. L’ufficiale di stato deve quindi redigere il processo verbale della richiesta, che deve essere firmato da lui e dai componenti della coppia. Infine, la coppia deve comparire, a una data indicata dalle parti stesse, per rendere pubblicamente dichiarazione costitutiva dell’unione. Tale dichiarazione va fatta alla presenza di due testimoni.

La bozza di decreto stabilisce anche che, per quanto riguarda la regolamentazione del cognome, le parti possono indicare quello che hanno stabilito di assumere per l’intera durata dell’unione. Il DPCM proposto fa anche riferimento all’eventualità di cambio di sesso di uno dei coniugi in caso questo sia avvenuto dopo il matrimonio di una coppia eterosessuale. In questo caso, si specifica, i coniugi che non vogliono annullare il matrimonio devono rendere dichiarazione congiunta all’ufficiale dello stato civile. Lo schema di decreto, infine, regolamenta anche l’eventuale scioglimento dell’unione civile e la trascrizione dei matrimoni celebrati all’estero.

Il registro provvisorio delle unioni civili sarà istituito presso ciascun Comune entro cinque giorni dall’entrata in vigore del decreto. Si prevede che il DPCM sarà operativo da metà agosto, quando permetterà le prime iscrizioni al registro delle unioni civili.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!