Tassi corrispettivi e moratori: l’interpretazione della sent. 350/2013 c.cass.

di Silvana Mascellaro
PDF

Qui la sentenza: Tribunale di Palermo -sez. V civile- sentenza n. 2944 del 01/10/2020

Successo della banca: è valido il precetto che non precisa il calcolo degli interessi di mora; la corretta interpretazione della sent. n.350/2013 c.cass. dispone la verifica autonoma della usura del tasso di mora

     Indice

  1. Il fatto
  2. E’ valido il precetto in cui non siano specificate le rate non pagate ed i criteri di calcolo degli interessi di mora 1
  3. La corretta interpretazione della sent.350/2013 c.cass non dispone il cumulo del tasso corrispettivo e moratorio per la verifica della usurarietà di un mutuo ipotecario: essi vanno considerati autonomamente 

1. Il fatto

Il Tribunale di Palermo, in data 1.10.2020 ha emesso la sentenza n. 2944, in un giudizio di opposizione a precetto relativo ad un mutuo fondiario ipotecario del 4.4.2011, in cui venivano sollevate tre importanti contestazioni: a) indeterminatezza dell’atto di precetto per mancata specificazione delle rate non pagate e dei criteri di calcolo degli interessi di mora ; b) usura convenuta con riferimento sia agli interessi corrispettivi incorporati nelle singole rate, sia agli interessi di mora; c) applicazione della capitalizzazione composta in violazione dell’art. 1283 cc.

La Banca, difesa congiuntamente dallo STUDIO LEGALE  FERRARI VINCETTI & ASSOCIATI e dal consulente tecnico della Banca, D.ssa Silvana MASCELLARO di SMF (STUDIO MASCELLARO FANELLI), ha ottenuto un importante riconoscimenti per l’intero ceto bancario.

2. E’ valido il precetto in cui non siano specificate le rate non pagate ed i criteri di calcolo degli interessi di mora

Il Magistrato palermitano ha precisato che l’intimazione di adempiere l’obbligo di pagamento risultante da un precetto non necessita, a pena di nullità del precetto, che venga specificato, oltre alla somma precettata, anche il calcolo matematico applicato per determinare la somma precettata.

Tanto, ancor più vero, continua la sentenza dal momento che l’intimato ha a disposizione tutti gli elementi per individuare l’importo effettivamente dovuto, come il titolo contrattuale, la data, l’ammontare degli eventuali pagamenti da esso effettuati (v. Cass. 4008/13; 9389/16).

Pertanto il precetto opposto resta valido titolo esecutivo.


Potrebbero interessarti anche:


3. La corretta interpretazione della sent.350/2013 c.cass non dispone il cumulo del tasso corrispettivo e moratorio per la verifica della usurarietà di un mutuo ipotecario: essi vanno considerati autonomamente

Un chiarimento molto importante viene reso dal Tribunale siciliano, in merito alla nota sentenza n.350/2013 della C.Cass, che è stata sempre male interpretata e di cui il Magistrato si premura di offrire una “corretta interpretazione”.

Il Magistrato palermitano precisa che, in linea con la sentenza n.20 del 25.2.2002 della Consulta, la sent. 350/2013 “si sia limitata a ribadire che la disciplina relativa al tasso soglia, con le relative sanzioni, riguarda anche gli interessi moratori in sé considerati.

Conseguentemente, l’eventuale superamento del tasso soglia va valutato distintamente in merito agli interessi di mora e se fosse superato il tasso soglia va dichiarata la nullità del tasso di mora.

Fa di più il Magistrato siciliano, precisando che, nella sentenza n.350/2013 della Suprema Corte, si fa riferimento alla <<maggiorazione di tre punti a titolo di mora>> non vuole, quindi, intendersi l’affermazione di principio circa la necessità di effettuare una sommatoria tra i tassi corrispettivi e i tassi moratori in relazione al limite del tasso soglia, ma si ha semplicemente riguardo ad una modalità di pattuizione di quello specifico tasso di mora contrattuale che, così come contrattato nella fattispecie.

In linea con i più recenti arresti giurisprudenziali il Magistrato ha precisato, quindi, che tassi corrispettivi e moratori non possano essere addizionati ai fini della verifica della usurarietà.

Volume consigliato

Anatocismo bancario e vizi nei contratti

Anatocismo bancario e vizi nei contratti

Il libro, aggiornato alle più recenti sentenze, si pone come manuale di riferimento per tutti coloro che si trovano a risolvere le problematiche connesse al calcolo dell’anatocismo e all’individuazione dei vizi nei contratti bancari.

L’opera offre un approccio operativo sul modo di affrontare le questioni attinenti alle procedure bancarie, spesso condannate dalla giurisprudenza, a danno dell’ignaro utente, analizzando tutta l’evoluzione del rapporto bancario: il CONTRATTO DI APERTURA DI CONTO CORRENTE BANCARIO e, in particolare, la contestazione del saldo debitore su conto corrente, la minaccia di ingiuste azioni legali ed estorsioni, la determinatezza o determinabilità del TASSO D’INTERESSE anche ultralegale e la procedura per richiedere la restituzione dei pagamenti ingiusti.

È stato anche considerato il RISARCIMENTO DEL DANNO da segnalazioni alle CENTRALI RISCHI, e i danni alla salute e altri pregiudizi NON PATRIMONIALI da abusi bancari.

Tra gli altri, il volume affronta i seguenti argomenti:
- Gli obblighi dell’istituto bancario;
- L’azione ingiusta della banca;
- Il mutuo fittizio;
- I danni morali da abuso bancario.

FORMULARIO E GIURISPRUDENZA
L’acquisto del volume include la possibilità di accedere al materiale online. All’interno sono presenti le istruzioni per effettuare l’accesso all’area.

 

Roberto Di Napoli
Avvocato in Roma, abilitato al patrocinio dinanzi alle Giurisdizioni Superiori. Esercita la professione forense prevalentemente in controversie a tutela degli utenti bancari e del consumatore. È autore di vari “suggerimenti per emendamenti” al disegno di legge (S307) di modifica della disciplina sui benefici alle vittime di usura ed estorsione, alcuni dei quali recepiti nella legge 3/2012. È titolare del proprio blog www.robertodinapoli.it

Roberto Di Napoli, 2020, Maggioli Editore
79.00 € 75.05 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e