TAR Lazio: è legittimo l’obbligo vaccinale per il personale sanitario

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

Qui la sentenza: TAR Lazio - sez. III quater - sentenza n. 2455 del 02-03-2022

La sospensione dal servizio e dalla retribuzione, prevista a carico del personale sanitario in ipotesi di inadempimento dell’obbligo vaccinale, non contrasta col principio lavoristico espresso dalla Costituzione. La Sezione III Quater del Tar Lazio (Sentenza n. 2455 del 02 marzo 2022) ha così ribadito la legittimità dell’obbligo vaccinale di cui al d.l. n. 44/2021.

Indice:

  1. La base normativa dell’obbligo posto a carico dei sanitari
  2. Le censure
  3. La giurisprudenza del Consiglio di Stato

La base normativa dell’obbligo posto a carico dei sanitari

Alcuni esercenti professioni sanitarie e operatori di interesse sanitario, che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali, hanno impugnato i provvedimenti con cui è stato disposto l’obbligo vaccinale ex art. 4, d.l. 1° aprile 2021 n. 44, per il quale “al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza, gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell’infezione da SARS-CoV-2. La vaccinazione costituisce requisito essenziale per l’esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative rese dai soggetti obbligati”.

 

Le censure

I ricorrenti hanno dedotto ben dieci motivi di illegittimità, peraltro sostenendo che:

– il breve tempo di cui si sono potute giovare le case farmaceutiche per gli studi, la predisposizione e la sperimentazione delle soluzioni vaccinali oggi disponibili non ha consentito di raggiungere quelle condizioni di sicurezza ed efficacia dei vaccini medesimi, che devono assistere ad ogni prestazione sanitaria imposta;

– i provvedimenti sono contrastanti con il Diritto dell’Unione e, in particolare, con l’art. 3 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (CDFUE o Carta di Nizza);

– il difetto istruttorio in cui incorrono emerge laddove detti provvedimenti pretendono di iniziare il procedimento che si concluderà, in attuazione della didascalica previsione legislativa, con la somministrazione, imposta, della vaccinazione di cui trattasi, anche nei confronti di coloro che hanno già contratto la malattia Covid-19 e, pertanto, posseggono la così detta immunità naturale;

– l’art. 4 del D.L. n. 44/2021 contrasta con le rubricate disposizioni costituzionali, laddove obbliga i soggetti individuati al comma 1 a sottoporsi alla vaccinazione anti COVID-19, a pena di essere sospesi dalla propria professione, con la contestuale sospensione della retribuzione;

– l’art. 4 del D.L. 44/2021 contrasta altresì con l’art 3 Cost, sotto i diversi profili dell’uguaglianza, della ragionevolezza e della proporzionalità;

– l’art. 4 del D.L. n. 44/2021 contrasta inoltre con gli artt. 2 e 32 Cost., nella parte in cui l’obbligatorietà del vaccino non è assistita dalla previsione di alcun indennizzo per il caso in cui, dalla somministrazione, dovesse derivare un pregiudizio grave e/o permanente per l’integrità fisica del soggetto che vi sottopone;

– tali disposizioni obbligano i ricorrenti a sottoporsi alla vaccinazione per la prevenzione del contagio da Sars-CoV-2, senza lasciare libertà alcuna ai medesimi di prediligere misure alternative idonee al raggiungimento della finalità perseguita, nonostante gli stessi siano tutti soggetti competenti in materia e, pertanto, in grado di manifestare dissensi informati e non meramente aprioristici o preconcetti;

– la conseguenza prevista per l’inadempimento dell’illegittimo obbligo vaccinale, ovvero la sospensione dall’esercizio professionale, autonomo e dipendente, confligge con la tutela del principio lavoristico, valore fondante della Costituzione della Repubblica.

La giurisprudenza del Consiglio di Stato

Nel dichiarare il ricorso infondato, il collegio amministrativo ha richiamato la giurisprudenza che, in relazione a un ricorso del tutto analogo, ha affrontato in maniera approfondita tutte le censure poste dai ricorrenti. In particolare, con sentenza n. 7045 del 20 ottobre 2021, la III Sezione del Consiglio di Stato aveva dichiarato legittimo l’obbligo vaccinale contro il virus Sars- CoV-2 per il personale sanitario, così come previsto, per la medesima categoria professionale, dall’articolo 4 del D.L. n. 44/2021.

Leggi anche:

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e