Superbonus 110%: il proprietario dell’immobile ha diritto a ottenere gli atti edilizi e urbanistici

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

Qui la sentenza: TAR Napoli - sez. VI - sentenza n. 1681 del 14-03-2022

Sussiste un interesse personale, attuale e concreto all’ottenimento di atti afferenti alla legittimità edilizia e urbanistica dell’immobile al fine di ristrutturarlo e usufruire dei benefici fiscali del “Superbonus 110%”. Lo ha stabilito il TAR Napoli, Sezione VI, Sentenza 14 marzo 2022 n. 1681.

L’accesso agli atti edilizi e urbanistici

Il proprietario di un immobile, al fine di ristrutturare l’abitazione di sua proprietà usufruendo dei benefici fiscali di cui al c.d. “Superbonus 110%”, presentava al Comune richiesta di copia conforme della Licenza edilizia del 1968. Il Comune riscontrava l’istanza, asserendo che non era stato possibile rinvenire il faldone, nel contempo attestando che dal Registro delle Licenze Edilizie dall’anno 1959 all’anno 1968 “risulta trascritto, al di fuori dei margini del registro, senza continuità cronologia e temporale ed a parere di chi scrive di dubbia validità, che in data (…) 1968 venne rilasciata Licenza Edilizia n° (…)”. Pertanto, ha agito giudizialmente, con ricorso volto all’acquisizione degli atti necessari a disvelare i titoli legittimanti la costruzione del proprio immobile.

L’interesse personale, attuale, concreto

Il Tar ha accolto il ricorso avanzato verso il diniego del Comune, ritenendo sussistente un interesse personale, attuale e concreto del proprietario all’ottenimento di atti afferenti alla legittimità edilizia e urbanistica dell’immobile.

La natura strumentale del “diritto di accesso”

Il diritto di accesso rappresenta una situazione giuridica che:

  • ex se non garantisce la acquisizione o la conservazione di beni della vita e, dunque, non assicura al suo titolare il conseguimento di utilità finali;
  • è strumentale, piuttosto, al soddisfacimento (o al miglior soddisfacimento) di altri interessi giuridicamente rilevanti (diritti o interessi), rispetto ai quali si pone in posizione ancillare (TAR Lombardia, n. 2023/2018).

Per approfondimento sul diritto di accesso consigliamo il volume “Guida operativa a tutte le tipologie di accesso”

La legittimazione all’accesso

La nozione di legittimazione all’accesso vale:

  • a rivelare la ontologica natura strumentale del “diritto di accesso” rispetto ad altra, effettiva, posizione sostanziale (che non può ridursi ad un mero “diritto all’informazione”);
  • a precludere che un tale potere si risolva in un controllo generalizzato, anche di natura meramente esplorativa o emulativa, sull’agere amministrativo.

L’esigenza acquisitiva

Nella fattispecie, si verte in tema di atti e documenti in relazione ai quali è indubbia la esigenza conoscitiva ed “acquisitiva” de ricorrente, in funzione della tutela delle proprie ragioni, essendo in discussione i titoli afferenti alla legittimità edilizia dell’immobile di proprietà. In definitiva, il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania (Sezione VI) ha ordinato all’Amministrazione di esibire la documentazione richiesta, consentendo anche l’estrazione di copia, e condannando il Comune al pagamento delle spese di lite.

Consigliamo il volume:

Come difendersi dai reati connessi al Superbonus 110%
Falsità, frodi e reati tributariAggiornato al decreto legislativo del 27 gennaio 2022, il presente volume individua e analizza i potenziali reati scaturenti dall’utilizzo indebito del Superbonus 110%.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e